menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Troppo stress": Daniele Leali, braccio destro di Genovese alle feste, ricoverato a Bali

L'uomo è partito per l'Indonesia pochi giorni dopo l'arresto dell'amico, accusato di violenza sessuale

E' stato ricoverato per un attacco di stress, mentre si trova a Bali, il noto vocalist milanese Daniele Leali, amico e braccio destro di Alberto Genovese, l'imprenditore accusato di violenza sessuale ai danni di una ragazza di 18 anni durante una festa a casa sua, tra il 10 e l'11 ottobre, nell'attico di piazza di Santa Maria Beltrade, denominato "Terrazza Sentimento".

Secondo quanto riportato dal legale di Leali, l'attacco di stress sarebbe dovuto ai numerosissimi messaggi "minatori" ricevuti dall'uomo sui social network da quando Genovese è stato arrestato, aumentati dopo che alcune trasmissioni televisive si sono occupate della vicenda. Le condizioni di Leali, nonostante il ricovero, non sarebbero comunque preoccupanti.

Leali non è indagato ma non ha ancora parlato con i magistrati italiani. Pochi giorni dopo l'arresto di Genovese è partito per Bali annunciando sui social che sarebbe tornato a dicembre, e che il viaggio era programmato da tempo per impegni legati al suo lavoro nei locali notturni. Qualche giorno prima di partire, in un commento su Instagram aveva comunque scritto che stava decidendo se andare a Ibiza o a Bali.

Non è ancora "cristallizzato" il ruolo effettivo di Leali alle feste di casa Genovese. Secondo le testimonianze di alcune ragazze presenti alla festa del 10 ottobre, Leali era considerato il braccio destro dell'imprenditore: una in particolare, nella sua deposizione alla polizia, ha afferrmato di avere sempre tenuto d'occhio proprio Leali, durante la serata, per capire se fidarsi ad assumere sostanze stupefacenti da determinati vassoi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate al 20 gennaio per capire cosa si può fare

Coronavirus

Milano, la Lombardia è zona rossa fino al 31 gennaio: "Non è punizione". Le regole

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento