Cronaca

La vacanza folle a Panarea costa cara: Daspo Willy per un 18enne milanese

Il giovane non potrà avvicinarsi ai locali dell'isola per 6 mesi

Addio locali dell'isola. Un ragazzo milanese di 18 anni è stato colpito dal Daspo Willy,  la misura introdotta nel decreto sicurezza che aveva creato il daspo urbano e che prende il nome di Willy Monteiro Duarte, il ragazzo ucciso di botte a Colleferro a settembre del 2020 durante una rissa.

Il giovane meneghino, su ordine del Questore di Messina, non potrà entrare in bar e ristoranti di Panarea per i prossimi sei mesi. Lo scorso agosto, infatti, il ragazzo era stato arrestato dopo aver aggredito un carabiniere per fuggire a seguito di una rissa con un minorenne romano, anche lui adesso colpito dallo stesso provvedimento. 

A seguito delle manette sono quindi partiti gli approfondimenti della questura e nelle scorse ore è arrivata la "punizione", che obbligerà il milanese a non frequentare i luoghi della movida dell'isola di Panarea.

"Il divieto di accesso alle aree urbane costituisce il primo indispensabile strumento di risposta a siffatte condotte che minacciano la sicurezza urbana - il commento del questore di Messina, Gennaro Capoluongo, che in tutto ha firmato 14 daspo -. Quale autorità provinciale di pubblica sicurezza ho ricorso e ricorrerò ancora a questo tipo di provvedimento per garantire che ciascun cittadino possa serenamente vivere la propria città. Colgo l’occasione per ringraziare il Prefetto Di Stani, con il quale vi è una comune visione sulle strategie da adottare per rendere la provincia più sicura, nonché tutte le forze di polizia che contribuiscono ogni giorno al perseguimento di questo risultato».  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La vacanza folle a Panarea costa cara: Daspo Willy per un 18enne milanese

MilanoToday è in caricamento