rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca

Tre milioni di euro di multe, 17 arresti e migliaia di controlli: un anno di lavoro dei Forestali

Presentati i risultati di un anno di lavoro dei carabinieri della Forestale. Tutti i dettagli

Boschi e parchi tutelati. Animali salvati. E traffici illeciti sventati. È stato un 2018 di super lavoro quello dei carabinieri della Forestale del comando regione Lombardia, che mercoledì hanno presentato i risultati del loro ultimo anno di attività. 

Rifiuti e criminalità: 15 arresti "pesanti"

Traffico di rifiuti: sequestri e arresti

Uno il dato che ha voluto sottolineare il generale Simonetta De Guz, comandante del nucleo: i quindici arresti per associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti - su un totale di diciassette - che i suoi trecento militari hanno messo a segno in un anno. I primi nove erano finiti in manette a luglio 2018, quando i carabinieri avevano smantellato la "cricca dei rifiuti", che faceva i milioni con il riciclaggio - finto - della carta da parati

Qualche mese dopo, a ottobre, la stessa sorte era toccata ad altre sei persone, tutte ritenute responsabili, a vario titolo, dell'incendio alla discarica di Corteolona, nel Pavese, dove erano stati dati alle fiamme quintali e quintali di rifiuti stoccati in maniera illegale. A finire in cella - ha rivendicato con orgoglio il generale - erano stati "gli esecutori materiali del rogo, ma soprattutto il loro mandante"

Smaltimento illecito di rifiuti e incendio a Corteolona

I numeri dei Forestali

Non solo discariche e rifiuti però, perché "tutelare tutto il patrimonio della Lombardia - ha sottolineato De Guz - è una sfida impegnativa, ma stimolante, che raccogliamo ogni giorno". E i numeri parlano chiaro. 

In dodici mesi, infatti, i Forestali hanno staccato multe per illeciti amministrativi per un totale di 3 milioni e 100mila euro, ovvero  - ha spiegato il generale - "il 10% del totale nazionale dei sequestri dell'anno". 

E sempre i numeri "operativi" - in netta crescita - dimostrano una maggiore attenzione a tutti i fenomeni che riguardano i carabinieri della Forestale: dagli incendi nelle aree boschive - quattrocento controlli con venti denunciati - al settore agroalimentare e della tutela della salute - altre quattrocento verifiche con dodici denunciati -, passando per la tutela degli animali, che ha "portato" 160 denunce e oltre duecento sequestri in 4.575 "blitz". 

Il calendario degli animali

E proprio gli animali, inevitabilmente, sono i protagonisti del calendario 2019 dei Forestali - presentato mercoledì alla caserma di via della Moscova - dedicato alla Cites, una convenzione internazionale siglata da più di 180 Stati che tutela oltre 35mila specie di flora e di fauna a rischio estinzione. 

Nell'edizione 2019 ogni mese è dedicato a una specie in pericolo: così tra le dodici pagine si alternano la tartaruga marina, che fa i conti con l'inquinamento, il gaviale del Gange - un coccodrillo con pelle molto ricercata nell'alta moda -, la tigre siberiana e altri animali che rischiano di scomparire. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tre milioni di euro di multe, 17 arresti e migliaia di controlli: un anno di lavoro dei Forestali

MilanoToday è in caricamento