rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
L'arresto

David Vincenzetti, fondatore di Hacking Team, arrestato per tentato omicidio

Secondo l'accusa, avrebbe accoltellato la moglie del cugino in casa sua. La donna si è salvata

David Vincenzetti, co-fondatore di Hacking Team, è stato arrestato e portato nel carcere di San Vittore a Milano con l'accusa di tentato omicidio. Lo riferisce Andrea Siravo su La Stampa. L'uomo, che ha 56 anni, è accusato di avere colpito a coltellate la moglie di suo cugino nella propria abitazione del centro di Milano, nella zona di piazzale Cadorna.

È successo sabato 26 novembre nel pomeriggio. Secondo quanto riferito dal quotidiano torinese, il cugino di Vincenzetti, non riuscendo a contattare la moglie, aveva avvertito il 112: i carabinieri del nucleo radiomobile si sono precipitati nell'abitazione e hanno trovato la donna su una poltrona, con vistose ferite al torace. I sanitari l'hanno trasportata al Niguarda dove la donna è stata ricoverata e poi dimessa con 40 giorni di prognosi. Secondo quanto si apprende, la donna si era recata in casa di Vincenzetti perché questi avrebbe abusato di sostanze alcoliche e sarebbe stato particolarmente irascibile. I carabinieri, nell'appartamento, hanno trovato ben 195 coltelli.

Servizi informatici per 007 e governi

Hacking Team è stata una società nota per avere venduto sistemi di intrusione e sorveglianza a governi, polizie e servizi segreti di tutto il mondo, comprese l'Fbi e la Cia. Nel 2015 l'azienda subì un attacco hacker a causa del quale circa 400 gigabyte di documenti interni (tra cui fatture a governi e intelligence) furono resi pubblici su Bit Torrent.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

David Vincenzetti, fondatore di Hacking Team, arrestato per tentato omicidio

MilanoToday è in caricamento