Cronaca Castello / Piazzale Luigi Cadorna

Perdono il pullman e prendono a calci e pugni due dipendenti Atm: arrestati due ragazzi

I due sono stati fermati dalla polizia: sarebbero i responsabili dell'aggressione del 13 maggio

I due dipendenti aggrediti

Avrebbero preso a calci e pugni due dipendenti Atm che erano intervenuti per capire costa stesse succedendo. E ora, proprio per quello, sono finiti in manette. 

Due uomini - si tratta di due italiani maggiorenni, fanno sapere dalla Questura - sono stati arrestati dagli agenti dell'Ufficio prevenzione generale perché ritenuti responsabili dell'aggressione a due graduati dell'azienda di trasporto pubblico cittadino. I ragazzi sono stati fermati dai poliziotti e portati in cella in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere. Nei guai insieme a loro anche un 17enne, per ora soltanto denunciato a piedi libero.

Il video del brutale pestaggio

Le violenze si erano consumate in piazzale Cadorna verso le tre della notte tra il 12 e il 13 maggio. Quella notte, secondo quanto riferito allora dalla polizia, un gruppetto di giovani aveva cercato di salire - senza riuscirci - su un bus sostitutivo della M2 in Porta Genova. Poco dopo, una volta arrivati in Cadorna - con ogni probabilità a bordo di un altro mezzo Atm -, i ragazzi avevano riconosciuto l'autista che secondo loro li aveva lasciati a piedi e così, con fare minaccioso, avevano cercato di salire nuovamente a bordo, danneggiando anche il pullman.

dipendenti atm aggrediti-3

In quel momento, con l'autobus fermo in strada con le porte chiuse, erano intervenuti i due graduati, che si occupano proprio della circolazione dei mezzi di superficie. In un attimo le due vittime erano state aggredite a calci e pugni dai ragazzi, che erano poi fuggiti. I lavoratori, soccorsi da un'ambulanza, erano finiti entrambi al pronto soccorso del Policlinico: uno dei due, in particolare, aveva riportato vistose ferite al naso e agli occhi.

"I colleghi rimasti vittima della ferocia aggressione erano intervenuti a garantire sicurezza ai passeggeri e a dare supporto al collega costretto a fermarsi", era stata la denuncia del coordinamento Rsu del gruppo Atm. "Non ci interessano le frasi di circostanza che finora hanno accompagnato i numerosi e gravissimi episodi accaduti. Le istituzioni e i vertici aziendali si convincano una volta per tutte che bisogna agire subito per fermare questa scia di violenza. I lavori Atm - avevano concluso i sindacati - non sono carne da macello".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perdono il pullman e prendono a calci e pugni due dipendenti Atm: arrestati due ragazzi

MilanoToday è in caricamento