Centrale di smistamento di documenti falsi: sigilli al ristorante in via Padova

Arrestati il titolare e la compagna

Repertorio

L'hanno chiamata "operazione El Carajo", dal nome di un ristorante etnico di via Padova 5 posto sotto sequestro, che fungeva da centro di smistamento di documenti falsificati in attesa di essere ritirati da chi ne aveva fatto richiesta. Inequivocabili le responsabilità del titolare del locale e della sua compagna: in casa conservavano i registri dell'attività e anche 7 mila euro in contanti.

Il "cervello" della banda è però un peruviano residente e operante a Lima, che riceveva le ordinazioni dall'Italia e si serviva del ristorante come centro di recapito dei documenti. L'indagine, coordinata dal pm Lucia Minutella e condotta dagli agenti della squadra mobile diretta da Lorenzo Bucossi, ha tratto origine dall'arresto di un peruviano trovato in possesso di un passaporto argentino con la sua fotografia ma i dati anagrafici di un uomo appunto dell'Argentina.

Gli accertamenti hanno portato a chiudere il cerchio: quel passaporto falso era stato prodotto in Perù e consegnato materialmente all'arrestato dal proprietario del Carajo (J.C.L.V., di 57 anni) e dalla compagna (A.L.B., di 24 anni), entrambi arrestati. I documenti viaggiavano all'interno dei bagagli di persone che dal Perù raggiungevano l'Italia e poi prendevano la direzione del ristorante, dove gli agenti hanno trovato (a portata di mano, in prossimità della cassa stabilmente presidiata dalla compagna del titolare) diversi documenti sudamericani falsi: sette passaporti, tredici patenti e sei carte d'identità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nell'abitazione della coppia invece sono stati trovati 7 mila euro in contanti e manoscritti con annotati dati anagrafici, numeri di documenti e somme di denaro. La prova che la coppia era ben consapevole dell'attività illecita. I due, insieme ad altri quattro sudamericani, secondo l'ordinanza emessa dal gip Paolo Guidi rispondono di associazione a delinquere finalizzata alla fabbricazione di documenti falsi validi per l’espatrio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autostrade, confermato lo sciopero domenica 9 e lunedì 10 agosto: le cose da sapere

  • Milano, paga 15 euro ed esce dall'Esselunga con 583 euro di spesa: "Sono sudcoreana"

  • Terrore in Duomo: uomo armato di coltello prende in ostaggio guardia giurata, arrestato

  • Disavventura per una famiglia di Milano, trova la casa delle ferie devastata e occupata

  • Milano, violenta rissa in strada: il video choc dei residenti che seguono tutto dalle finestre

  • Bollettino coronavirus Milano e Lombardia: +118 contagi, +5 morti, aumentano ancora ricoveri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento