rotate-mobile
Cronaca Segrate

Donna rapinata e stuprata in ascensore: "Temevo mi uccidesse"

L'episodio a Segrate, hinterland est di Milano. In manette un 31enne, inchiodato dal Dna

Aveva appena parcheggiato e stava rientrando a casa, quando un uomo l'ha avvicinata, l'ha picchiata e minacciata di morte, rapinandola e costringendola ad avere un rapporto sessuale. Il drammatico accaduto lo scorso 21 dicembre a Segrate, hinterland est di Milano. Vittima una 40enne del posto.

Leggi tutte le altre notizie di oggi

A meno di un mese di distanza dall'episodio, i carabinieri hanno fermato un 31enne, dando esecuzione a un fermo di indiziato di delitto, emesso dalla procura della Repubblica di Milano e firmato dall'aggiunto Maria Letizia Mannella e dal sostituto Rosaria Stagnaro. L'uomo - H.S., queste le sue iniziali, che ora risponde di violenza sessuale e rapina aggravata - è uno straniero di origine maghrebina, senza fissa dimora, irregolare in Italia e con precedenti di polizia, nato in Libia e noto alle forze dell'ordine anche con altri alias. Dopo l'arresto è stato condotto a San Vittore.

L'indagine è partita dopo la segnalazione della donna, la quale ha riferito come la sera dei fatti, intorno alle 23.30, dopo aver posteggiato l'auto in garage insieme a un'amica, uno straniero l'avesse raggiunta nell'ascensore del suo condominio, bloccandone le porte. Dopo averla percossa alla testa e minacciata di morte e averle rubato smartphone e 35 euro, l'uomo, il cui volto era nascosto da mascherina e cappuccio, si era abbassato i pantaloni e l'aveva colpita di nuovo e poi obbligata a subire un rapporto sessuale orale e completo - nonostante lei, pietrificata dalla paura che potesse ucciderla, implorasse di non farle del male - e buttandola più volte in terra ai suoi tentativi di sfuggirgli. Infine, dopo averle intimato di stare zitta mentre la teneva per i capelli, sentendo un rumore all'esterno dell'ascensore, si era dato alla fuga.

In stato di shock, la vittima è entrata a casa ed è riuscita a chiamare il 112. Gli investigatori sono partiti proprio dal suo racconto dettagliato e dalla descrizione dello stupratore e dei suoi indumenti, per poi visionare anche le telecamere di videosorveglianza della zona. Un frame delle registrazioni è poi stato riconosciuto dalla donna; mentre quelli immortalati dai circuiti delle stazioni ferroviarie e del Comune, hanno permesso di ricostruire gli spostamenti dell'aggressore, partito da un treno a Pioltello, sceso a Segrate, arrivato al condominio dove si è consumata la violenza sessuale e poi scappato di nuovo in direzione della stazione di Segrate.

Intervenuti sul posto, i carabinieri della compagnia di San Donato Milanese e la sezione investigazione scientifiche del nucleo investigativo del comando provinciale dei carabinieri di Milano sono riuscita a estrapolare, all’interno dell’ascensore, un’impronta del palmo della mano dell’indagato, oltre a trovare, sui vestiti della donna, materiale biologico che, una volta analizzato dal Ris di Parma, ha permesso di identificare il profilo genetico dell'arrestato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donna rapinata e stuprata in ascensore: "Temevo mi uccidesse"

MilanoToday è in caricamento