Lo studente, l'imprenditore e il buttafuori ultrà: gli insospettabili che fanno soldi con la droga

In una settimana tre arresti del commissariato Lambrate. Sequestrati oltre 40 chili di droga

In comune tra loro hanno soltanto due cose: il bisogno di soldi e una vita alle spalle tutto sommato "normale", senza grandi problemi con la giustizia né con le forze dell'ordine. Poi nient'altro: hanno età diverse, lavori diversi, passioni diverse e storie diverse. Ma forse proprio quella loro vita "normale", da insospettabili, ha fatto sì che potessero diventare un ingranaggio, tra i più importanti, del traffico di droga. 

Non i piccoli pusher di strada - di quelli che spacciando un grammo o due -, né i vertici della piramide - di quelli che fanno i milioni di euro -, ma le "pedine" del livello intermedio: quelli che custodiscono il "tesoro" e al momento giusto lo prendono e lo spostano nelle mani di chi deve vendere, smerciare. Perché in fondo per il "livello intermedio" essere insospettabili è un pregio non da poco: assicura tranquillità e quasi invisibilità agli occhi delle forze dell'ordine. 

Dalla piazza ai fornitori 

Anche i "fantasmi", però, a volte lasciando dietro di sé delle tracce, delle scie e gli agenti della squadra investigativa del commissariato Lambrate seguendo quelle scie hanno messo le mani su droga e soldi. 

Dal mese scorso i poliziotti, guidati dal dirigente Nunzio Trabace, si sono concentrati sulle loro piazze di spaccio, su tutte piazza Gobetti e piazza Bottini, e dai piccoli spacciatori di strada hanno ricominciato a risalire la corrente perché - per dirla con le parole del capo del commissariato - "va bene fermare i pusher, ma bisogna anche riuscire a togliere le sostanze e i soldi alle organizzazioni, che hanno un business e guadagni enormi". 

Lo studente e i 40mila euro in contanti

E il primo "centro" è andato a segno il 29 gennaio scorso, quando gli agenti hanno messo le manette a tre cittadini gambiani e hanno sequestrato loro poco più di un chilo di droga e, soprattutto 40mila euro in contanti

Il 17 febbraio, invece, in manette è finito il primo degli insospettabili: uno studente poco più che 18enne trovato a Segrate con un chilo di hashish in auto e un altro nella cantina del palazzo in cui vive con mamma e papà. Ascoltato dagli investigatori non ha detto praticamente nulla, se non che l'aveva fatto per soldi. 

Foto - I 40mila euro sequestrati

droga soldi commissariato lambrate-2

L'imprenditore e il buttafuori

Così come ha detto di averlo fatto per soldi un imprenditore italiano di 45 anni, ex proprietario di alcuni negozi con distributori di cibi e bevande e senza nessun precedente, finito nei guai il 19 febbraio. Anche lui è stato fermato a Segrate - aveva 102 grammi di hashish e 96 di marijuana - e anche lui ha ammesso, senza troppi giri di parole, di aver bisogno di denaro. 

Quella stessa sera, poi, gli agenti dell'Investigativa hanno messo a segno il colpo più grosso. Dopo indagini, intrecci di dati e soffiate, i poliziotti hanno bloccato una Nissan Qashqai sulla Padana Superiore a Cernusco sul Naviglio. A bordo c'era Claudio A.: 34 anni, residente in paese, ex buttafuori fino a un paio di anni fa e collegato alla curva dell'Inter, tanto che l'unico precedente che ha è dovuto a un Daspo "guadagnato" per i tafferugli prima di Inter-Roma del 2017. 

Sul sedile posteriore di quella stessa macchina - segno evidente che da perfetto insospettabile non aveva nessuna paura di essere controllato - c'erano 12 chili di hashish, con lo stesso logo presente sul "fumo" sequestrato a casa dello studente di Segrate. 

Foto - La droga a casa dello studente

droga polizia commissariato lambrate-2

Il disabile come "copertura"

Convinti di andare a colpo sicuro, i poliziotti si sono poi spostati a Bonate Sopra, dove il 34enne aveva affittato una stanza in una casa di un anziano disabile - che nella sua vita ha avuto problemi di tossicodipendenza da eroina -, a cui aveva detto di aver bisogno di una sorta di magazzino per lasciare alcuni "strumenti" del lavoro. 

In quella camera gli investigatori hanno trovato altri 34 chili di marijuana e poco più di un chilo di hashish. "L'erba" e il "fumo" sequestrati, destinati alle piazze di spaccio di Lambrate, una volta sul mercato avrebbero fruttato centinaia di migliaia di euro. Perché sì, evidentemente, per le organizzazioni che gestiscono il traffico "il business e il guadagno sono enormi". Tanto da attirare anche dei "normali insospettabili". 

Foto - I 47 chili sequestrati all'ex buttafuori

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Marijuana hashish droga polizia 8
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Offerte di lavoro, Esselunga cerca dipendenti e assume: ecco come candidarsi

  • Milano, paga 15 euro ed esce dall'Esselunga con 583 euro di spesa: "Sono sudcoreana"

  • Bollettino coronavirus Milano: trovate altre 16 persone infette, risalgono i ricoveri

  • Hostess con febbre sul Ryanair Milano-Catania: paura per il covid

  • Sangue sul Sempione, schianto auto moto: morto ragazzo di 20 anni, gravissima l'amica

  • Bollettino coronavirus Milano e Lombardia: +118 contagi, +5 morti, aumentano ancora ricoveri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento