menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'hashish con la foto di Totti

L'hashish con la foto di Totti

Milano, il cuoco che nascondeva la droga con la foto di Totti sotto la maglia di Del Piero

In manette un 45enne. Era affidato in prova ai servizi sociali e doveva lavorare come cuoco

In un certo senso aveva fuso passione e lavoro. Peccato, però, che il lavoro non fosse esattamente quello che lui stesso aveva segnalato ai giudici. Un uomo di 45 anni, un cittadino italiano con precedenti e dal 2019 affidato in prova ai servizi sociali dopo una condanna per droga, è stato arrestato mercoledì dalla polizia con l'accusa, di nuovo, di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. 

A bloccarlo sono stati gli agenti del commissariato Lorenteggio, guidati dalla dirigente Ilenia Romano, che per un paio di mesi hanno tenuto d'occhio degli strani movimenti tra Lorenteggio e Forze Armate e sono arrivati proprio al 45enne, che tra le prescrizioni imposte per l'affido in prova aveva l'obbligo di frequentare il Sert per disintossicarsi dalla dipendenza da cocaina, il divieto di uscire di casa dopo le 21 e l'obbligo di lavorare come cuoco, occupazione che lui stesso aveva detto di avere. 

Quando in mattinata i poliziotti l'hanno fermato proprio fuori dal Sert, è stato subito chiaro però che il lavoro che aveva ripreso a fare era un altro. Nei calzini, infatti, l'uomo nascondeva 74 grammi di hashish, che gli agenti hanno immediatamente scoperto, decidendo quindi di perquisire anche casa sua, dove gli investigatori hanno trovato 7.800 euro in contanti - messi in una cassaforte sotto il letto - e circa 400 grammi di hashish. Controllando il cellulare del cuoco, gli uomini del commissariato hanno poi accertato che poco distante da casa aveva preso in affitto un box. Lì i poliziotti hanno messo le mani su 1.380 grammi di hashish e quasi 400 grammi di marijuana, che erano sistemati sotto alcuni teloni posizionati sotto una sciarpa della Juventus e una maglia dell'ex capitano Alessandro Del Piero, con tanto di autografo, che erano appese alla parete.

E questa passione per il calcio, il 45enne l'aveva trasferita - letteralmente - anche sulla droga. Su alcuni dei panetti di hashish, infatti, c'erano stampate le fotografie di Francesco Totti, l'ex capitano della Roma e altro grande numero 10 del calcio italiano, mentre su altri era stata incisa la sigla Psg, riferita alla squadra francese del Paris Saint Germain. 

Ascoltato dagli investigatori, il cuoco ha spiegato di non riuscire a trovare lavoro - anche a causa dell'emergenza covid che inevitabilmente ha messo in ginocchio i ristoranti - e di aver quindi nuovamente ripiegato sullo spaccio, da lui considerato come l'unica fonte di guadagno garantita. 

Foto - L'hashish con l'incisione Psg

hashish droga psg-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia torna in zona arancione, la decisione

Coronavirus

Che fine farà lo smart working a Milano dopo la pandemia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

  • Sport

    Il nuovo logo dell'Inter

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento