menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Milano, mezzo litro di droga dello stupro nel frigo della camera: arrestato nel b&b

I poliziotti sono arrivati a lui osservando il via vai in zona. In camera anche diversi stimolanti

Lo hanno trovato nella camera presa in affitto da circa un mese in una sorta d b&b di via Timavo, vicino a piazza Carbonari. Era un pusher "specializzato" in droghe non comuni, tra cui il ghb, meglio nota come "droga dello stupro". Ne aveva quantità rilevanti in stanza. 

I poliziotti dell'ufficio prevenzione generale sono arrivati a lui osservando il via vai insolito, tipico "segnale" di commercio illegale. E venerdì mattina lo hanno arrestato: si tratta di un ragazzo italiano di 25 anni, che da qualche settimana aveva preso in affito la camera.

All'interno del frigorifero gli agenti hanno trovato una bottiglia di plastica con circa mezzo litro di ghb, una sostanza che, ad alte dosi, provoca intontimento, perdita di coordinazione dei movimenti e forte sonnolenza. Una droga al centro dell'inchiesta che ha portato all'arresto dell'imprenditore Alberto Genovese per lo stupro di una 18enne nel suo appartamento in centro a Milano.,

E poi 87 grammi di mefedrone, dall'effetto stimolante simile allo speed. La dose usuale di questa sostanza è di circa un decimo di grammo. Infine il ragazzo aveva in stanza 125 grammi di mdpv, uno stimolante sintetico simile all'anfetamina soprannominato "amplificatore di emozioni".

Non mancavano i vari materiali per la dosatura e il confezionamento degli stupefacenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Isolata in Lombardia una nuova (e rarissima) variante di covid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento