rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca

Marò italiani, Fidanza (Pdl): "La Ue batta un colpo, per ora silenzio assordante"

L'europarlamentare milanese chiede per iscritto alla Ashton di intervenire per aiutare l'Italia a riportare in patria i due marò accusati di aver ucciso due pescatori indiani e attualmente in stato di fermo. Intanto Terzi li va a trovare

Il ministro degli esteri Terzi ha incontrato in giornata a Kochi i due marò italiani in stato di fermo per presunto omicidio lo scorso 15 febbraio di due pescatori indiani. La vicenda è intricata: l'alta corte del Kerala ha suggerito una sorta di accordo stragiudiziale, un risarcimento economico, che però i due marò rifiutano: "Sarebbe un'ammissione di colpa".

Uno dei nodi è sulla giurisdizione: l'Italia la invoca per sé, poiché l'incidente è avvenuto in alto mare. L'India a sua volta la ritiene sua, in forza della nazionalità dei pescatori rimasti uccisi. Intanto i pugliesi Massimiliano Latorre e Salvatore Girone vengono sorvegliati a vista dai militari indiani.

E nel frattempo l'eurodeputato milanese Carlo Fidanza (Pdl) ha scritto un'interrogazione a Catherine Ashton, il "ministro degli esteri" dell'Unione europea, sollecitando un intervento di Bruxelles sulla vicenda. "La diplomazia europea - è scritto nell'interrogazione - deve intervenire per aiutare l'Italia a riportare a casa i due marò".

Fidanza ricorda anche che l'Italia è il terzo contribuente comunitario per le spese del funzionamento della sede istituzionale di New Delhi e ciononostante, per il momento, "nemmeno una parola si è levata né dalla baronessa Ashton né dai rappresentanti Ue in India in favore di un'immediata liberazione".

L'interrogazione è stata firmata anche da altri undici eurodeputati italiani, tra cui il capo-delegazione del Pdl Mario Mauro e il vicepresidente del parlamento, Roberta Angelilli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marò italiani, Fidanza (Pdl): "La Ue batta un colpo, per ora silenzio assordante"

MilanoToday è in caricamento