Ebreo accoltellato: aumentata la vigilanza nei luoghi sensibili

L'uomo è ricoverato al Niguarda, non è in pericolo di vita

Nathan Graff (da Twitter)

E' stato convocato, in via d'urgenza, un comitato per l'ordine e la sicurezza venerdì mattina alle nove, dopo l'aggressione ai danni del 40enne ebreo Nathan Graff avvenuta in viale San Giminiano nella serata di giovedì, davanti ad un ristorante kosher (Leggi: la telefonata di Alfano).

L'uomo è stato ferito con nove coltellate: è grave (ma non in pericolo di vita) al Niguarda. Secondo la polizia, i testimoni non avrebbero riferito frasi antisemite pronunciate dall'aggressore, che poi si è allontanato facendo perdere le sue tracce.

E' stata però subito intensificata la vigilanza nei luoghi sensibili frequentati dalla comunità ebraica milanese. Davanti alla scuola ebraica (nello stesso quartiere dell'aggressione) si trovano due camionette dell'esercito, come del resto anche prima dell'agguato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

  • Lombardia verso la zona arancione: ma non c'è nulla da esultare. I numeri

Torna su
MilanoToday è in caricamento