Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca

L'avvocato che amava Milano e ha lasciato sei milioni al comune: come verranno spesi

Gli appartamenti saranno venduti e il ricavato andrà nella manutenzione di edifici per attività sociali. Ecco tutti i dettagli

Sei milioni al comune di Milano in eredità

Sei milioni di euro - e anche di più - lasciati al comune di Milano da un avvocato deceduto per annegamento nel 2014, Rinaldo Spataro. Ora Palazzo Marino ha fatto l'inventario esatto dei beni lasciati dal professionista che amava la sua città (con la clausola di usarli per opere di beneficenza) e ha deciso come verranno utilizzati.

Spataro ha lasciato tre milioni e 700 mila euro di titoli e azioni: prodotti finanziari che verranno venduti per sostenere la manutenzione di sedi del comune utilizzate per i servizi sociali. Le proprietà immobiliari, del valore totale di circa un milione e 400 mila euro, saranno anch'esse vendute perché ritenute non adatte alle attività di beneficenza e assistenza. Si parla dell'appartamento di corso Indipendenza, dello studio professionale di via Visconti Venosta (dietro il tribunale), di un ulteriore appartamento a Cesano Boscone e poi un box e un negozio.

Infine il conto corrente, con 900 mila euro. Che verranno utilizzati per il progetto della badante di condominio (circa la metà), per il sostegno del reddito degli anziani (quasi l'altra metà) e per i buoni spesa per famiglie (circa 50 mila euro).

Spataro aveva 74 anni, quando il 28 giugno 2014 morì mentre nuotava nella Muzza, in provincia di Lodi, come era solito fare. Non aveva né moglie né figli. Gli unici altri lasciti sono stati una somma di circa 50 mila euro ad un amore di gioventù e un'altra somma per chi si fosse occupato del suo funerale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'avvocato che amava Milano e ha lasciato sei milioni al comune: come verranno spesi

MilanoToday è in caricamento