Cronaca

Uccise la ex con una stilettata durante una lite: condannato all'ergastolo in Cassazione

L'uomo, Carmine Buono, nel frattempo è libero per decorrenza dei termini di custodia cautelare: nel 2017 allontanato dalla nuova compagna per averla maltrattata

Condannato all'ergastolo anche in Cassazione Carmine Buono

Condannato all'ergastolo anche in Cassazione Carmine Buono, a processo con l'accusa di avere ucciso l'ex compagna Antonia Bianco il 13 febbraio del 2012 a San Giuliano Milanese, a casa di lui. L'uomo, nel frattempo, è uscito dal carcere per decorrenza dei termini di custodia cautelare, ma vi tornerà, a questo punto, per l'esecuzione della pena.

Buono era stato condannato all'ergastolo sia in primo grado sia in Appello, ma la Cassazione annullò con rinvio la sentenza, con la motivazione che non era stato ben approfondito l'elemento soggettivo del reato di omicidio volontario. In Appello-bis il difensore di Buono, Mirko Mazzali, chiese che l'accusa venisse riformulata in omicidio preterintenzionale perché Buono e la Bianco stavano litigando al momento del fatto. L'Appello-bis confermò tuttavia l'ergastolo.

La stessa richiesta di derubricare in omicidio preterintenzionale è stata poi avanzata anche dal procuratore generale della Cassazione, ma gli ermellini hanno deciso la conferma dell'ergastolo. Quel giorno Antonia Bianco si era recata nell'abitazione dell'ex compagno per discutere relativamente al loro figlio, ma i due avevano discusso e la lite era finita per la strada, dove la donna (43enne) si era accasciata al suolo.

Sulle prime si era pensato ad un malore, poi i medici dell'ospedale di San Donato notarono un foro sotto l'ascella sinistra causato da un'arma appuntita. L'autopsia confermò che la morte era avvenuta proprio a causa di quella ferita, nonostante non sia mai stata trovata l'arma.

A luglio del 2017 Buono viveva a San Giuliano Milanese, come detto fuori dal carcere per decorrenza dei termini di custodia, in una casa con la nuova compagna: i carabinieri gli notificarono l'allontanamento a causa dei maltrattamenti nei riguardi della nuova fidanzata, che lo aveva più volte denunciato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccise la ex con una stilettata durante una lite: condannato all'ergastolo in Cassazione

MilanoToday è in caricamento