Milano, esplosione in piazzale Libia: palazzo dichiarato inagibile, persone negli alberghi

L'ingresso è sventrato, tre piani sono gravemente danneggiati. Continua il sopralluogo per determinare l'esatta dinamica, quasi certamente una fuga di gas. Otto i feriti

Foto MiaNews

E' stato dichiarato inagibile il palazzo di piazzale Libia 20, in zona Porta Romana, interessato sabato mattina da una violenta esplosione dovuta, forse, ad una fuga di gas, ma l'esatta dinamica verrà stabilita nel corso della giornata: sul posto anche il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano. L'inagibilità è stata dichiarata dalla polizia giudiziaria dei vigili del fuoco dopo i necessari e attenti riscontri per esaminare le strutture dell'edificio, che ha nove piani, di cui i primi tre sono stati particolarmente danneggiati. L'ingresso è squarciato e le finestre dei piani più bassi sono completamente distrutte.

Esplosione a Milano: otto feriti, uno grave

L'esplosione si è verificata alle 7.17 di mattina al primo piano dello stabile, dove si trovano un monolocale e uno studio medico. Otto i feriti, il più grave è proprio il trentenne di nazionalità ucraina che vive nel monolocale: si trova ricoverato in codice rosso all'ospedale Niguarda. Ha ustioni di secondo e terzo grado su tutto il corpo. Gli altri feriti sono sei donne tra i 38 e i 54 anni e una ragazza di 15 anni che si è ferita ad una caviglia mentre scappava dal palazzo. Una donna e un uomo sono stati colpiti dai vetri infranti dalla potenza dello scoppio. I feriti sono ricoverati al Policlinico (due persone in codice giallo), al San Paolo (due persone in codice verde), al Fatebenefratelli (una persona in codice verde) e alla Mangiagalli (una persona in codice verde).

Video: il palazzo dell'esplosione

Esplosione a Milano: gli abitanti del palazzo negli alberghi

Tutti gli abitanti del palazzo sono stati evacuati, così come si sono riversate in strada numerose persone che abitano negli edifici adiacenti. Il boato è stato avvertito anche in altri quartieri della città. Secondo quanto riportato, anche il palazzo al civico 22 avrebbe subìto alcuni danni. Gli abitanti saranno trasferiti in albergo se non potranno essere ospitati da parenti o amici. Sono state danneggiate anche otto automobili, un monopattino elettrico e nove motociclette parcheggiate davanti al palazzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Normalmente il palazzo ospita 54 persone in 37 appartamenti. Al momento dell'esplosione ne erano presenti 49. Sono state 23 quelle che hanno fatto richiesta di una sistemazione al Comune di Milano. Lo rende noto l'assessore alla sicurezza - e vice sindaco - Anna Scavuzzo. La protezione civile era presente in piazzale Libia con otto squadre, un posto di comando avanzato, un polisocorso e una vettura di coordinamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La provocazione di Cracco in Galleria (Milano): ai suoi clienti solo mezza pizza

  • L'anziana che ha "truffato" i truffatori: così una 87enne ha fatto arrestare la "nipote" a Milano

  • Trovato morto a 47 anni Alessandro Catone, il "Porco schifo" di YouTube

  • Il maltempo fa paura: "Forti temporali in arrivo, fino a 150mm di acqua in 6 ore" (Poi la grandine)

  • Milano, ecco lo store di Off-White in pieno centro: è il brand per cui tutti si mettono in fila

  • 'Milanese' bloccato in Argentina per il coronavirus muore assassinato: addio a Lucas

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento