menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I mezzi di soccorso fuori dal locale (foto CicioPizza)

I mezzi di soccorso fuori dal locale (foto CicioPizza)

Esplosione in centro a Milano, salta in aria la vetrina di una pizzeria: "Una bomba nel locale"

È successo in via Sabotino nella serata di mercoledì 16 dicembre, sul caso indaga la polizia

Prima il boato e il rumore dei vetri che vanno in mille pezzi, poi le sirene dei vigili del fuoco e delle volanti della questura. Esplosione in via Sabotino a Milano (zona Porta Romana) nella serata di mercoledì 16 dicembre: una bomba carta ha devastato la vetrina della pizzeria Ciccio pizza.

Tutto è accaduto un attimo prima delle 22, come riportato dall’azienda regionale di emergenza. Sul posto sono intervenuti i soccorritori del 118, i vigili del fuoco e le forze dell’ordine. Fortunatamente non si sono registrati feriti ma i danni sono stati ingenti: la deflagrazione ha mandato in frantumi la vetrina del ristorante e di un fioraio accanto, senza causare danni strutturali all'edificio.

Sul caso stanno indagando gli agenti della questura. Secondo quanto riferito da una testimone agli investigatori a lanciare l’ordigno sarebbe stato un uomo che è arrivato davanti al locale da via Bligny. Secondo quanto appreso da MilanoToday sarebbe una persona di circa 35 anni vestita con un giubbotto blu, pantaloni neri, mascherina azzurra e cappuccio calato sulla testa. L'uomo avrebbe lanciato il pacco esplosivo verso il locale ma l’ordigno è rimbalzato contro un muro danneggiando sia la pizzeria che il negozio accanto.

Il titolare di Cicciopizza: “Abbiamo ricevuto una minaccia”

Poco dopo l’esplosione il titolare della pizzeria ha preso in mano il telefono e ha fatto una diretta sulla sua pagina Facebook: “Anche stasera abbiamo ricevuto una minaccia — ha chiosato davanti alla fotocamera —. Ci hanno buttato una bomba dentro al locale. Non so chi è stato lo stupido, lo scemo. Questo gesto ignobile non serve a un cazzo, siete dei disgraziati. Non so a chi volete intimorire, noi cerchiamo solo di lavorare e siamo solo dei poveri ristoratori”.

Secondo quanto riferito dal ristoratore ci sarebbero dei video registrati dalle telecamere di sicurezza che avrebbero ripreso tutta la scena. L’imprenditore ha poi citato “un altro problema in un altro locale”, sempre verificatosi nella stessa serata. “Combateteci con il lavoro, se avete qualche problema che ci venite a intimorire. Ma vi voglio dire una cosa, noi non abbiamo paura di niente – ha concluso -, siamo qua a lavorare e a buttare il sangue, non a giocare".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

Coronavirus

Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento