Fabiano, il dj di Milano cieco e tetraplegico che ora chiede solo di poter morire liberamente

Ex dj, dal 2014 è cieco e tetraplegico. Il suo appello per l'eutanasia al presidente Mattarella

Dj Fabo

Da più di due anni è in un letto immobile, senza vedere nulla. Le uniche cose che gli sono rimaste sono i ricordi e la sua Valeria, che gli dà la voce e il sostegno. Eppure Fabiano Antoniani - ragazzo milanese di trentanove anni “molto vivace, un po’ ribelle” - non è triste, non è depresso. Però, vuole, rivendica, la possibilità di scegliere da solo per la sua vita, la libertà di dire basta per l’ultima volta. 

Giovedì, Fabiano ha iniziato la sua battaglia per “vivere libero fino alla fine”. Lo ha fatto con un video dedicato al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in cui ha ripercorso la sua esistenza - bella, piena, vissuta.  

“Signor presidente, sono stato un ragazzo molto vivace, un po’ ribelle”, dice Valeria, che dà la voce al suo fidanzato, che fa fatica anche a parlare. “Nella vita ho fatto di tutto: l’assicuratore, il geometra, il broker”, spiega mentre scorrono le sue immagini da ragazzo spensierato e felice. “Ho lavorato per un team di motard, correvo anche in motocross, ma la mia passione più grande è sempre stata la musica - il racconto di Fabiano -. Così sono diventato Dj Fabo. Suonare per gli altri mi rendeva felice, mi permetteva di sognare e dare un tocco magico alla mia vita”. 

VIDEO | L'appello di Fabiano: "Sono a letto in una notte senza fine" 

dj fabo video-2

Proprio la musica gli ha cambiato la vita. “Mi trasferisco in India - racconta Fabiano -, dove in poco tempo iniziano a chiamarmi ovunque. Ho incontrato persone fantastiche e vissuto momenti indimenticabili. Tutto questo con una persona speciale, Valeria, la mia ragazza, che ora mi presta la sua voce per rivolgermi a lei, presidente, perché faccio molta fatica a parlare”. 

Ed è qui che il video diventa nero, cambia insieme alla vita di Dj Fabo. “Il 13 giugno 2014 sono diventato cieco e tetraplegico, a causa di un incidente in macchina”. Ma Fabo non si è arreso, ha provato a lottare, purtroppo inutilmente. “Ho provato a curarmi, anche sperimentando nuove terapie. Mi sento in gabbia, non sono depresso ma non vedo più e non mi muovo più. Da più di due anni - dice la voce di Valeria, che intanto è diventata triste - sono bloccato a letto in una notte senza fine”. 

Quindi, ecco il motivo ultimo della “battaglia” di Fabiano, che ha accanto a sé l’associazione Luca Coscioni che con la sua campagna “Eutanasia Legale” chiede che Fabo sia “libero, per vivere liberi fino alla fine”. 

“Vorrei poter scegliere di morire senza soffrire, ma ho scoperto che ho bisogno di aiuto - l’amara constatazione di Fabiano -. L’associazione Luca Coscioni ha depositato in Parlamento una proposta per legalizzare l’eutanasia ma sono passati più di tre anni e non è stato deciso niente. Le chiediamo di intervenire per lasciare ciascuno libero di scegliere fino alla fine”. 

A chiudere il video sono le uniche due parole che pronuncia Fabo: “Grazie Sergio”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, primi casi di coronavirus accertati in Lombardia: 38enne ricoverato a Codogno

  • Coronavirus, i casi sono 14: gravissimo un 38enne, in isolamento la moglie e un amico

  • Mafia, a Milano il prefetto chiude L’Antica pizzeria da Michele, storico locale napoletano

  • Coronavirus, i contagi in Lombardia salgono a 14: "Dobbiamo contenere il virus in quell'area"

  • Smog alle stelle a Milano, scatta il blocco del traffico: le auto che non potranno circolare

  • Milano, caso di coronavirus: vademecum sulla prevenzione, la trasmissione e l'esposizione

Torna su
MilanoToday è in caricamento