Cronaca

Evasione fiscale da 63 milioni di euro: tre persone arrestate

E' la scoperta del Comando provinciale della guardia di finanza di Milano, che nell'ambito dell'operazione "Talismano" ha smantellato una organizzazione dedita alla frode fiscale

Immagine di repertorio

Evasione fiscale di 63 milioni di euro, tra Ires e Iva, ai danni delle casse dello Stato. E' la scoperta del Comando provinciale della guardia di finanza di Milano, che nell'ambito dell'operazione "Talismano" ha smantellato una organizzazione dedita alla frode fiscale.

L'inchiesta, coordinata dal sostituto procuratore Stefano Civardi, ha portato agli arresti domiciliari di tre persone e al sequestro preventivo di beni tra la Lombardia e il Piemonte, per un valore pari alla frode accertata. Ben 65 soggetti responsabili di reati fiscali sono stati segnalati all'autorità giudiziaria.

Gli agenti milanesi hanno effettuato interventi sul campo nei confronti di aziende operanti nel Nord Italia e in altri paesi dell'Unione Europea (Repubblica Ceca e Slovacchia), per un totale di 61 imprese nazionali e 13 società di diritto estero. In sostanza le indagini hanno portato alla scoperta di un sodalizio criminoso, che avvalendosi di passaggi fittizi di beni tra società costituite appositamente, anche in ambito comunitario, riconducibili a soggetti compiacenti o a mere "teste di legno", ha messo in atto un meccanismo di evasione fiscale attraverso fatture per operazioni inesistenti,

La particolarità del fenomeno, sottolineano i finanzieri, è che la merce, di fatto, era non collocabile sul mercato, dal momento che si trattava essenzialmente di componentistica hardware e software obsoleta e di valore irrisorio rispetto agli importi indicati in fattura.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Evasione fiscale da 63 milioni di euro: tre persone arrestate

MilanoToday è in caricamento