Cronaca

Calci morsi e pugni, giovane donna evita così la violenza sessuale

Si era appartata in macchina con il fidanzato. Tre uomini a volto coperto li hanno prima rapinati e poi hanno tentato di stuprarla. La ragazza ha reagito con calci, morsi e pugni e li ha messi in fuga. Arrestato uno dei tre poco dopo, grazie proprio alla descrizione fornita dalla donna

Intorno alle 22 di ieri sera una giovane donna di 27 anni si è appartata con il suo fidanzato in auto, in una zona periferica della città.

Ad un certo punto tre sconosciuti hanno aperto la portiera della loro auto e minacciando il fidanzato della donna con un coltello, si sono fatti consegnare soldi e cellulare. Poi, hanno notato la ragazza semi nuda che sedeva sul sedile del passeggero, l’hanno estratta dalla macchina per tentare di stuprarla.

La reazione furibonda della giovane donna ha costretto i tre a fuggire abbandonando l’idea della violenza sessuale. Calci pugni e morsi le hanno permesso di non essere stuprata dal gruppo di rapinatori. Nella colluttazione la donna è riuscita addirittura a strappare la sciarpa che copriva il volto di uno dei suoi tre aggressori ed è stata quindi in grado di fornire alle autorità una descrizione dettagliata di quest’ultimo.

L’uomo è stato quindi rintracciato dagli investigatori, che già lo conoscevano per precedenti reati contro la persona, anche grazie al particolare di una profonda cicatrice sulla fronte riportato dalla ragazza, vittima del tentato stupro.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calci morsi e pugni, giovane donna evita così la violenza sessuale

MilanoToday è in caricamento