menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il logo in Regione

Il logo in Regione

Arresti Expo, dure le reazioni. Renzi a Milano "nel momento più delicato"

Martedi' mattina il presidente del Consiglio Matteo Renzi sara' a Milano con Maurizio Martina, ministro dell'Agricoltura, "per rilanciare e rafforzare - ha sottolineato il ministro che ha le deleghe ad Expo - l'impegno di tutte le istituzioni a fianco del Commissario unico", Giuseppe Sala, non coinvolto dalle indagini

Arresti a raffica, dubbi, paure. L'Expo di Milano, a meno di un anno dall'inaugurazione, si trova davanti alla crisi piu' grave che abbia mai affrontato.

Martedi' mattina il presidente del Consiglio Matteo Renzi sara' a Milano con Maurizio Martina, ministro dell'Agricoltura, "per rilanciare e rafforzare - ha sottolineato il ministro che ha le deleghe ad Expo - l'impegno di tutte le istituzioni a fianco del Commissario unico", Giuseppe Sala, non coinvolto dalle indagini.

Un sostegno che Sala (e' anche circolata la voce che potesse dimettersi) ha incassato anche dal governatore Roberto Maroni. "Gli rinnovo la fiducia - ha detto il presidente della Lombardia -. Spero si possa procedere rapidamente nella realizzazione del crono-programma previsto". La speranza e' condivisa anche dal procuratore Edmondo Bruti Liberati. "Abbiamo reciso nel piu' breve tempo possibile i rami malati, proprio per consentire ad Expo di ripartire al piu' presto" ha spiegato il magistrato.

"I politici facciano il loro lavoro - ha chiesto Renzi esprimendo fiducia nei giudici - e non commentino il lavoro della magistratura". Un invito rimasto inascoltato. Di una "tangentopoli delle grande intese" ha parlato Maurizio Buccarella, capogruppo del Movimento 5 stelle al Senato che chiede di discutere una nuova legge anti-corruzione. La lista Green Italia ha proposto di "azzerare tutto il management compromesso", mentre la lista Tsipras, parlando di una "tangentopoli mai finita" ha criticato una "gestione malata e malavitosa della cosa pubblica". "L'intervento della magistratura - ha osservato la presidente della commissione Antimafia Rosy Bindi - e' prezioso, ma gradiremmo che la pubblica amministrazione avesse la capacita' di autotutelarsi e intervenire prima dei magistrati". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Come sarà il nuovo piazzale Loreto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Cannabis (light) gratis con Isee fino a 40.000 euro

  • Sport

    Tanto col calcio vale tutto

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento