Una campana per Expo: la storia della fonderia più famosa al mondo

La campana speciale verrà 'inaugurata' alla Darsena sabato 26 settembre

La campana di Expo 2015

Ben 850 Kg di bronzo purissimo per 1 metro e 12 cm di diametro, figlio dell’arte dei Fratelli Armando e Pasquale Marinelli che, con un prezioso e raffinato castello in metallo, verrà installata, benedetta e inaugurata a partire dalle ore 16.00 di sabato 26 settembre lungo la Darsena, in zona Navigli.

La grande campana reca su di sé impressi, oltre al logo di Expo, le immagini dei due più importanti dipinti custoditi a Milano: “L’ultima cena” di Leonardo da Vinci e “La canestra di frutta” del Caravaggio. Completano le decorazioni gli stemmi del Comune di Milano, di Agnone (cittadina sede della Fonderia), della Regione Molise, con in più l’immagine di San Francesco Caracciolo, Patrono dei Cuochi D’Italia morto proprio ad Agnone.

"Già nel 1862 a quella che viene comunemente considerata la Prima Edizione di Expo, tenutasi a Londra, la famiglia Marinelli esponeva un maestoso e imponente carillon di campane suonato a tastiera per il quale la celebre Fonderia di Campane fu insignita di un encomio e una Medaglia D’Oro da re Vittorio Emanuele II", spiega Maurizio Lorys Scandurra, giornalista e 'campanologo'. La famiglia Marinelli ha fama d'essere la più antica dinastia italiana sulla fusione delle campane. 

"Ma la storia della Famiglia Marinelli è legata in particolar modo al Novecento", riprende il filo Scandurra: "Ed è una storia di beati e di santi. Nel 1923 la Fonderia Marinelli realizzò il grandioso concerto di otto campane per il Santuario della Beata Vergine del Rosario di Pompei, commissionate dal fondatore e benefattore Bartolo Longo, in seguito elevato agli onori degli altari con il titolo di Beato nel 1980 proprio da Papa Giovanni Paolo II. Nel 1924, per via di quell’azione, che aveva portato la Famiglia Marinelli a costruire ex novo sul posto - con tanta fatica e altrettanti sacrifici - una fonderia temporanea per la realizzazione di quelle monumentali campane, lavoro che durò ben sei anni, Papa Pio XI la insignì del titolo e dello stemma di “Pontificia” Fonderia di Campane: unica al mondo a potersene fregiare".

E tra le mille curiosità legate alla fonderia Marinelli, quella che riguarda Giulio Andreotti: "Pochi sanno che è stato un eccezionale collezionista di campane", spiega Scandurra ricordando la visita dell'ex presidente del consiglio della Democrazia Cristiana ad Agnone, nel 2000, dopo il Giubileo: "Andreotti decise di regalare al Museo della Campana una copia rarissima del 'De Tintinnabulis', il più antico trattato sull'arte fusoria delle campane esistente, del 1664". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra le particolari campane realizzate recentemente dalla fonderia, ricordiamo la campana della Perestrojka, quella del Concilio Vaticano II, quella dell'Anno Santo 1975.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, passante insegue un rapinatore in metro e con un pugno lo riduce in coma

  • Incidente a Milano, scontro tra monopattino e auto: cade e sfonda il parabrezza, uomo in coma

  • Incidente a Milano, terribile schianto in pieno centro: gravissimo un ragazzo

  • Orrore per una mamma di Milano, violentata e picchiata davanti ai suoi bimbi: un arresto

  • Rapinatore bloccato con un pugno in faccia da un passeggero: fermato e liberato 24 ore dopo

  • Follia sul bus Atm, "sgridato" per la bici a bordo: sfonda il vetro e aggredisce l'autista

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento