rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Expo 2015

Metro 5 (linea lilla), i lavori infiniti. I sindacati: "132 posti a rischio"

Sindacati sul piede di guerra per il possibile licenziamento di 132 lavoratori impiegati sulla M5: "Perchè il Comune non interviene? Perchè non c'è continuità tra chi impiegato nella prima e seconda tratta?"

Centotrentadue lavoratori a rischio nei lavori (a rilento) che stanno realizzando un'opera strategica per l'Expo 2015, la "linea lilla", o M5.

L'OPERA - Lo denunciano i sindacati confederati confederali Feneal-Uil, Filca-Cisl e Fillea-Cgil. La vicenda riguarda un’importante opera pubblica da realizzare in vista di Expo 2015. La Linea 5 della metropolitana milanese, infatti, è una delle opere strategiche inserite nel dossier di candidatura per l’Expo 2015. Il Comune ha affidato a Metro5 Spa la concessione per la progettazione, costruzione e gestione in project financing della prima tratta (da Garibaldi a Bignami) dell’opera; Metro5 Spa è un’ATI (Associazione Temporanea d’Imprese) costituita da Astaldi, Ansaldo STS, Torno, Ansaldo Breda, Alstom e ATM.

FALLISCE LA TORNO - Metro5 Spa ha poi assegnato la realizzazione di questa prima tratta ad un’altra ATI costituita da Astaldi (60%) e Torno (40%), denominata Garbi Scrl. La Garbi Scrl, nell’ottobre 2010, ha chiesto ai sindacati di categoria dell’edilizia (Feneal-Uil, Filca-Cisl, Fillea Cgil) di ricorrere alla cassa integrazione ordinaria per circa un terzo dei suoi dipendenti a causa dei ritardi nel completamento della tratta. Nel novembre 2010 la Torno (socio di minoranza dell’ATI Garbi Scrl) è fallita e successivamente, il 6 dicembre, la Garbi Scrl ha attivato una procedura di licenziamento collettivo per tutti i suoi 132 dipendenti (della Torno), in ragione del fatto che l’opera (la prima tratta) è in via di ultimazione.

"RIASSORBIRE I LAVORATORI" - A febbraio di quest’anno Metro5 Spa ha, però, sottoscritto con Palazzo Marino una nuova convenzione per il prolungamento della Linea 5 da Garibaldi a San Siro; Metro5 Spa ha affidato ad Astaldi le opere di costruzione civile di questa seconda tratta. I sindacati da diverse settimane stanno chiedendo ad Astaldi, in quanto componente dell’ATI Metro5 Spa e socio di maggioranza dell’ATI Garbi Scrl, di assorbire i 132 lavoratori coinvolti nei licenziamenti, impiegandoli sulla nuova tratta Garibaldi-San Siro.

"NIENTE E' STATO FATTO" - "Ad oggi però - scrivono le segreterie milanesi in una nota - non è stato possibile raggiungere alcun accordo e i 132 lavoratori rischiano di restare a casa fra pochi giorni. Allo stesso modo sono finora risultate vane le sollecitazioni al Comune perché intervenga sull’azienda. I sindacati giudicano inaccettabile che non venga garantita la continuità di lavoro per la realizzazione della seconda tratta a chi è stato impiegato nella realizzazione della prima e, inoltre, ritengono paradossale che mentre si è più volte affermato che l’Expo 2015 porterà in dote nuova occupazione, durante la realizzazione di un’opera ad esso collegata si richiedano 132 licenziamenti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Metro 5 (linea lilla), i lavori infiniti. I sindacati: "132 posti a rischio"

MilanoToday è in caricamento