Corona assolto per i soldi nel controsoffitto, ma il re dei paparazzi resta in carcere

La procura generale non ha presentato ricorso in cassazione sull'imputazione

Fabrizio Corona

Fabrizio Corona è stato assolto in via definitiva dall'accusa di intestazione fittizia di beni per la vicenda dei circa 2,6 milioni di euro trovati parte nel controsoffitto di una sua abitazione e parte in Austria, circostanza che nell'ottobre del 2016 lo aveva riportato in carcere. La procura generale, infatti, non ha presentato ricorso in cassazione sull'imputazione che era caduta in primo grado e in appello. Nello stesso processo a Milano, invece, l'ex "Re dei paparazzi" era stato condannato in secondo grado a sei mesi — in primo grado era un anno — a causa per un illecito fiscale su una cartella esattoriale che nulla aveva a vedere con i contanti. 

La difesa di Fabrizio Corona, invece ha presentato ricorso alla Suprema Corte contro la condanna per il reato fiscale: l'udienza è stata fissata per il 9 luglio 2019. 

Nel frattempo resta in carcere l'ex agente fotografico: Corona era stato arrestato il 28 marzo per una serie di violazioni dell'affidamento terapeutico che aveva ottenuto per curarsi dalla dipendenza da cocaina. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente fra tre camion sull'A4, autostrada chiusa e traffico in tilt: i percorsi alternativi

  • Assalto al portavalori in autostrada A1: inferno di fuoco a San Zenone

  • Smog, livelli di pm10 ancora alti: blocco totale delle auto a Milano domenica 2 febbraio

  • Milano, incubo per una 12enne sull'autobus: uomo la palpeggia a lungo sulla 91, arrestato

  • Coronavirus, tre donne cinesi con la febbre visitate al Sacco. Salta il Capodanno cinese

  • Margherita, Capricciosa e droga: arrestato titolare di una pizzeria, spacciava nel locale

Torna su
MilanoToday è in caricamento