Cronaca

Corona assolto per i soldi nel controsoffitto, ma il re dei paparazzi resta in carcere

La procura generale non ha presentato ricorso in cassazione sull'imputazione

Fabrizio Corona

Fabrizio Corona è stato assolto in via definitiva dall'accusa di intestazione fittizia di beni per la vicenda dei circa 2,6 milioni di euro trovati parte nel controsoffitto di una sua abitazione e parte in Austria, circostanza che nell'ottobre del 2016 lo aveva riportato in carcere. La procura generale, infatti, non ha presentato ricorso in cassazione sull'imputazione che era caduta in primo grado e in appello. Nello stesso processo a Milano, invece, l'ex "Re dei paparazzi" era stato condannato in secondo grado a sei mesi — in primo grado era un anno — a causa per un illecito fiscale su una cartella esattoriale che nulla aveva a vedere con i contanti. 

La difesa di Fabrizio Corona, invece ha presentato ricorso alla Suprema Corte contro la condanna per il reato fiscale: l'udienza è stata fissata per il 9 luglio 2019. 

Nel frattempo resta in carcere l'ex agente fotografico: Corona era stato arrestato il 28 marzo per una serie di violazioni dell'affidamento terapeutico che aveva ottenuto per curarsi dalla dipendenza da cocaina. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corona assolto per i soldi nel controsoffitto, ma il re dei paparazzi resta in carcere

MilanoToday è in caricamento