Ancora guai per Fabrizio Corona: sequestrato il suo appartamento da 2,5 milioni di euro

L'immobile, secondo la Procura, sarebbe stato comprato con denaro della sua società fallita

Ancora guai per Fabrizio Corona. Nella mattinata di lunedì i militari della guardia di finanza hanno sequestrato il suo appartamento di via De Cristoforis (zona Corso Como) del valore di 2,5 milioni di euro. Lo hanno reso noto le fiamme gialle con una nota.

Il provvedimento è stato disposto dalla sezione Misure di prevenzione del tribunale che ha accolto la richiesta del procuratore aggiunto Ilda Boccassini e dal pm Paolo Storari, i quali hanno chiuso l'inchiesta nei confronti del fotografo per intestazione fittizia di beni, frode fiscale e violazione delle norme patrimoniali in relazione alle misure di prevenzione. 

Le indagini — dirette dal sostituto procuratore Alessandra Dolci della Dda di Milano — si sono sviluppate mediante approfondimenti, sotto il profilo bancario e finanziario, di elementi investigativi emersi anche nel corso di indagini di polizia giudiziaria in relazione a reati di natura fiscale e fallimentare connessi a una società riconducibile al fotografo dei vip. Secondo la procura l'immobile sarebbe stato acquistato — dopo una intestazione formale a un prestanome — con risorse finanziarie costituenti prevalentemente il provento delle azioni distrattive commesse in danno della società fallita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Clienti delusi dal villaggio di Natale di Milano, proteste sui social e richieste di rimborso

  • Incidente in viale Bezzi, schianto tra un filobus della 91 e un camion per la raccolta rifiuti

  • Villaggio di Natale di San Siro, l'organizzazione ai clienti delusi: 'Le criticità verranno risolte'

  • I politici romani prendono in giro l'albero di Milano: "Che schifo il vostro ferracchio"

  • "Puoi spostarti?": ragazza prende a schiaffi un uomo sull'autobus Atm, ma lui è sordomuto

  • Milano, uomo trovato morto sul marciapiedi: sul posto la scientifica

Torna su
MilanoToday è in caricamento