rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca

Centrale, bloccato dalla polizia "perché senza mascherina": la verità dietro alla fake news

Il fatto è accaduto nel pomeriggio di sabato e il video è stato ripreso da un blogger prima di arrivare sui social delle Sardine

Il video pubblicato su Twitter dalle Sardine inizia così: "Milano Centrale, 16:45. La polizia ferma un ragazzo di colore perché senza mascherina. Viene allontanato con degli strattoni, il ragazzo si agita e a quel punto in 5 lo buttano a terra e lo ammanettano". E sullo sfondo scorrono le immagini di un fermo di polizia. È una scena come se ne vedono tante. Un fermo che (forzando un po' la mano) potrebbe ricordare quello di George Floyd. Ma l'America è oltre l'Oceano e la realtà (come si legge dai documenti della questura) è diversa e non ha nulla a che fare con quanto accaduto a Minneapolis.

L'intervento della polizia e il fermo

Secondo le carte di via Fatebenefratelli tutto è accaduto alle 16.20 di sabato 11 luglio al Gate d'ingresso C della Stazione Centrale. Ad allertare i poliziotti era stato il personale di Rfi che aveva segnalato la presenza di un cittadino molesto che (sì, senza mascherina ma questa non è stata la causa del fermo) stava importunando diversi passeggeri. Quando i poliziotti sono arrivati sul posto l'uomo — successivamente identificato come un ragazzo maliano di 25 anni, già noto alle forze dell'ordine — stava urlando contro altri viaggiatori che si erano allontanati spaventati.

Le manette sono scattate durante le fasi di identificazione: il 25enne — come riferito dagli investigatori — ha opposto resistenza alle forze dell'ordine e quindi gli agenti lo hanno ammanettato e accompagnato negli uffici. E proprio in questo secondo frangente è stato identificato e perquisito. Nel corso degli accertamenti, inoltre, è stato trovato un coltellaccio da cucina all'interno dello zaino: un'arma bianca lunga 36 centimetri (11 di manico, 25 di lama). Per lui è scattata una denuncia a piede libero per resistenza a pubblico ufficiale e possesso ingiustificato di armi.

Il video postato dalle sardine con la fakenews

Il video: come è nata la fake news

Il video originale è stato girato da un writer milanese e pubblicato su Instagram su un profilo che conta circa 2mila iscritti. Successivamente (alle 19.33 di sabato 11 luglio) è stato ripreso dal blogger Fabrizio Delprete su Facebook: "Mi è arrivato questo video allucinante e tremendo da un mio contatto. A Milano, in stazione, un ragazzo nero sarebbe stato fermato in questa maniera infima solo perché non indossava la mascherina".

"Il ragazzo che ha giustamente registrato tutto è stato minacciato affinché non pubblicasse il documento — ha aggiunto Delprete —. Ritengo quanto accaduto vergognoso. Spero che questo video giri il più possibile e che chi di dovere indaghi immediatamente. Perché #blacklivesmatter non deve essere solo un modo per pulirci la coscienza pensando agli Stati Uniti. E perché queste cose accadono anche da noi. Ed è ora di dire BASTA".

Successivamente, nella giornata di domenica 12 luglio, è stato pubblicato dalle sardine su Twitter. Tutto con le stesse grafiche. Tutto con lo stesso messaggio. Tutto senza nessuna verifica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centrale, bloccato dalla polizia "perché senza mascherina": la verità dietro alla fake news

MilanoToday è in caricamento