menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Famiglia intossicata dal monossido di carbonio

E' successo nella notte tra venerdì e sabato in provincia di Mantova. Il padre e uno dei figli sono stati ricoverati in camera iperbarica

Sei persone, appartenenti ad un intero nucleo familiare di origine marocchina, sono rimaste intossicate dalle esalazioni di monossido di carbonio sprigionatesi da un braciere tenuto in camera da letto, nella loro casa di Sustinente (Mantova).

Un bambino di sette anni e il padre sono stati ricoverati nella camera iperbarica dell'ospedale di Villafranca (Verona), mentre la madre e gli altri due fratelli (un bambino e una ragazza), dopo le cure del caso, sono stati dimessi dall'ospedale di Pieve di Coriano. I primi sintomi dell'intossicazione si sono manifestati attorno alle quattro di sabato mattina; il capofamiglia è riuscito ad avvertire il 118 e i vigili del fuoco.

L'intera famiglia è stata trasportata all'ospedale di Pieve. Le concentrazioni più alte di monossido nel sangue sono risultate quelle del bimbo e del padre, subito trasferiti in camera iperbarica: le loro condizioni sono gravi, ma nessuno dei due è in pericolo di vita.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento