Cronaca

Farmaci importati illegalmente in Lombardia, più di 700 denunce

I Carabinieri del Nas (Nucleo antisofisticazioni) di Milano, in collaborazione con l'Agenzia delle Dogane, ha concluso un'indagine iniziata nell'aprile del 2010: 360mila farmaci non autorizzati acquistati on-line e importati

I carabinieri del Nas (Nucleo antisofisticazioni) di Milano, in collaborazione con l'Agenzia delle Dogane, hanno concluso un'indagine iniziata nell'aprile del 2010 contro il fenomeno dell'importazione da Paesi extra Unione europea di farmaci acquistati on line, privi di autorizzazione per l'immissione in commercio e pericolosi per la salute pubblica.

L'attività ha consentito di segnalare a varie procure della Repubblica lombarde circa 700 persone, una delle quali è stata arrestata. Sono stati sequestrati inoltre circa 360.000 tra compresse e confezioni di farmaci illegali (anche ad azione dopante), medicinali veterinari e cosmetici pericolosi.

I Nas hanno spiegato che sono diverse le accuse, a vario titolo, per le 700 persone che hanno ricevuto i farmaci: si tratta, tra l'altro, di importazione, commercio, somministrazione e uso di farmaci privi dell' autorizzazione all'immissione in commercio oltre che di medicinali guasti o imperfetti e di sostanze ad effetto dopante, di importazione e commercio illecito di medicinali veterinari, di contrabbando e ricettazione di specialità medicinali, di false dichiarazioni su merce importata.

Tra i prodotti sequestrati ci sono 200 flaconi di specialità medicinali ad uso doping (in sostanza, l'ormone Gh) e oltre 350 mila compresse e 4.700 confezioni circa di sostanze ad effetto dopante, contro le calvizie, per la cura delle disfunzioni erettili e dell'obesità. L'arresto, hanno precisato i Nas, è avvenuto per importazione ai fini dello spaccio di specialità medicinali ad effetto stupefacente e dopante, cioé il nandrolone.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Farmaci importati illegalmente in Lombardia, più di 700 denunce

MilanoToday è in caricamento