Rubavano le ricette dai medici di famiglia, poi vendevano i farmaci all'estero: arrestati in 12

Operazione dei Nas di Milano. In un solo anno "buco" di oltre 500mila euro per lo Stato

Foto repertorio

A Milano e in tutta la Lombardia trovavano le ricette e poi i farmaci. In Campania, invece, stringevano accordi con le aziende del settore della distribuzione per spedire all'estero la merce. Il tutto per un giro d'affari di migliaia e migliaia di euro, naturalmente oscuro al servizio sanitario nazionale. 

Era organizzata e ben struttura la banda sgominata lunedì mattina dai carabinieri del Nas di Milano, che hanno dato esecuzione a quattordici ordinanze di custodia cautelare in carcere. Otto persone sono finite in cella, quattro ai domiciliari e due sono state sottoposte all'obbligo di firma con le accuse, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla truffa ai danni del servizio sanitario nazionale e ricettazione di farmaci successivamente inviati all'estero.

Stando a quanto accertato dai militari, che hanno iniziato le indagini nel 2015, i truffatori sarebbero riusciti a rubare "ricette rosse" da ospedali e medici di famiglia e poi avrebbero usato quelle stesse prescrizioni - compilate con nomi di cittadini esenti, ma ignari - per comprare i medicinali nelle farmacie lombarde.

A quel punto, i farmaci arrivavano in Campania e venivano spediti verso i paesi extraeuropei, senza nessuna preoccupazione per il loro stato di conservazione, con un inevitabile grave pericolo per la salute dei cittadini. 

L'inchiesta dei Nas - che ha toccato le province di Milano, Lodi, Napoli e Caserta - ha permesso di arrestare in flagranza di reato cinque persone, trovate con farmaci ricettati, e di denunciarne altre 48, considerate colluse con la banda. Gli stessi militari sono anche riusciti a mettere le mani su migliaia di ricette mediche che erano già state contabilizzate da regione Lombardia per il rimborso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Soltanto nel 2016, hanno accertato i carabinieri, la banda avrebbe creato un "buco" al servizio sanitario nazionale di oltre mezzo milione di euro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, passante insegue un rapinatore in metro e con un pugno lo riduce in coma

  • Incidente a Milano, scontro tra monopattino e auto: cade e sfonda il parabrezza, uomo in coma

  • Milano, paura sul tram: minaccia i passeggeri con un coltello, aveva anche cinque forbici

  • Milano, esplosione in piazzale Libia: è uno chef de rang il 30enne intubato al Niguarda

  • Milano, esplosione in un palazzo di piazzale Libia: crolli nelle case e feriti. Grave un 30enne

  • Follia sul bus Atm, "sgridato" per la bici a bordo: sfonda il vetro e aggredisce l'autista

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento