Cronaca Carugate

Febbre del Nilo, un altro uomo contagiato: disinfestazione a tappeto in due comuni

Altro contagio. Colpito un uomo residente a Carugate, che lavora a Cernusco sul Naviglio

La febbre del Nilo colpisce ancora. Un altro uomo, la cui identità non è ancora nota, è stato infatti colpito dal virus, trasmesso e veicolato soprattutto dalle zanzare. 

La vittima, stando a quanto appreso, è residente nel comune di Carugate, ma lavora a Cernusco sul Naviglio e per questo non è ancora certo, ad ora, dove sia avvenuto il contagio. 

"Negli scorsi giorni l'Ats ha comunicato di aver ricevuto una segnalazione di un caso da infezione di West Nile virus di un soggetto residente nel Comune di Carugate - ha spiegato l'amministrazione del comune del Milanese dalla propria pagina Facebook -. Anche se il contagio potrebbe essere avvenuto in altre località, come da profilassi l'Ats ha chiesto al Comune di attivarsi per effettuare un intervento straordinario di disinfestazione larvicida e adulticida nella zona di residenza e nelle vie segnalate e frequentate e nelle zone limitrofe. Il sindaco ha già disposto l’intervento richiesto che verrà effettuato nella notte tra venerdì e sabato".

La disinfestazione - che è già stata effettuata anche a Cernusco - sarà fatta in tutto il territorio comunale e l'amministrazione, sempre via Facebook, ha chiesto ai cittadini di tenere porte e finestre chiuse nella notte tra venerdì e sabato. 

Febbre del Nilo, già 12 contagi e un morto

Ad oggi, fanno sapere da Ats Città metropolitana di Milano - competente sul territorio meneghino e parte di quello lodigiano - sono dodici i casi di contagio di Febbre del Nilo, che ha fatto la sua prima vittima a Vanzaghello, dove un 81enne ha perso la vita per il virus

Oltre a lui  e un uomo di Lodi, hanno contratto il virus un 63enne milanese ricoverato al Policlinico - il cui stato di salute sarebbe tutto sommato buono -, un 80enne inverunese, ora all'ospedale di Legnano e in via di miglioramente, un 50enne di Rho, un 74enne di Pregnana, il più grave tra i colpiti dal virus, e un uomo residente a Milano, che sarebbe stato contagiato nella zona del lago Malaspina a Pioltello. 

E ancora: un uomo sempre residente nel capoluogo e un altro anziano, 74 anni, anche lui ricoverato all'Humanitas. Altre tre persone, il cui quadro clinico è buono, hanno invece scoperto dopo una donazione di sangue di aver contratto il virus, che aveva fatto già una vittima a Mantova.

Era stata proprio l'Avis a invitare tutti i cittadini a continuare a donare il sangue sottolineando come fosse un'operazione "sicura" e utile per scoprire l'eventuale presenza del virus. Il governatore di regione Lombardia, Attilio Fontana, aveva invece chiesto a tutti i sindaci di andare avanti nell'opera di disinfestazione per le zanzare, prima e più diffusa causa del contagio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Febbre del Nilo, un altro uomo contagiato: disinfestazione a tappeto in due comuni

MilanoToday è in caricamento