rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Cronaca

Ferragni, la mossa contro l'Antitrust e la multa da un milione di euro

Caso pandoro: l'imprenditrice ha formalmente depositato i ricorsi al Tar

Pronta alla battaglia legale. Nel pomeriggio di martedì Chiara Ferragni ha depositato formalmente al Tar del Lazio due ricorsi amministrativi con i quali chiede di annullare il provvedimento con cui lo scorso dicembre l'Antitrust ha inflitto alle sue società "Fenice" e "Tbs Crew" una sanzione di oltre un milione di euro per una presunta pubblicità ingannevole legata alla vendita del pandoro 'Pink Christmas'. 

La sanzione era arrivata per presunte pratiche commerciali scorrette sulla vendita del pandoro Balocco griffato Ferragni che era collegato a una raccolta fondi per l'ospedale Regina Margherita di Torino. Secondo l'autorità i consumatori erano stati ingannati perché convinti che acquistando il pandoro avrebbero in qualche modo donato alla struttura sanitaria, mentre la cifra da devolvere all'ospedale era fissa e già decisa nei contratti a prescindere dalle vendite effettive. I due ricorsi - a quanto si apprende - saranno affidati alla prima sezione del tribunale amministrativo. Nei documenti ci sarebbe solo una richiesta di fissazione dell'udienza di discussione di merito che dovrebbe celebrarsi entro il mese di giugno. 

L'imprenditrice digitale aveva già annunciato che avrebbe fatto ricorso contro le due multa - da 675mila e 400mila euro - da lei stessa definite "sproporzionate rispetto alla gravità e alla durata della condotta”. Dopo la decisione dell'Antitrust la Ferragni aveva anche donato un milione di euro al Regina Margherita. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferragni, la mossa contro l'Antitrust e la multa da un milione di euro

MilanoToday è in caricamento