Cronaca

Negozi aperti a Ferragosto, Cgil: "E' pazzesco"

La proposta dell'assessore alle attività produttive, Terzi, di far rimanere i negozi aperti il 15 agosto ha suscitato la reazione del sindacato che la reputa una proposta inutile e dannosa

Lasciare ai commercianti la possibilità di restare aperti a Ferragosto: ad avventurarsi su una strada finora inesplorata per una città che notoriamente deve far fronte alle serrande abbassate d'estate, è l'assessore alle Attività Produttive, Giovanni Terzi, che su delega di Letizia Moratti rivestirà per due settimane la carica di "sindaco d'agosto".

"Stiamo valutando la possibilità - ha affermato l'assessore - di concedere tanto ai piccoli negozi quanto alla grande distribuzione la deroga al divieto di apertura nel giorno di Ferragosto, visto che abbiamo già ricevuto molte richieste in questo senso". Pur consapevole che una simile proposta possa suscitare la dura reazione dei sindacati (tanto più che Ferragosto quest'anno cade anche di domenica) Terzi ha deciso di dare un ulteriore segnale al programma sostenuto dal Comune per una Milano aperta ad agosto.

"Noi vogliamo avere una città sempre più aperta in estate - ha affermato Terzi - e se il sistema dei servizi già risponde positivamente c'é ancora da lavorare per far trovare alla città la sua vena turistica in estate. Dare ai negozi la possibilità di restare aperti a Ferragosto va in questa direzione: non sarebbe un bel segnale trovare quella domenica una città tutta chiusa". La proposta di Terzi arriva nel giorno in cui il Comune ha avuto la conferma che, a differenza degli anni passati, molti più esercenti resteranno aperti nel mese delle ferie. Finora 14.331 negozi hanno comunicato all'amministrazione la volontà di lavorare ad agosto (erano 9.413 nel 2009) e quasi cinque mila dichiarazioni sono arrivate nell'ultima settimana. L'unica nota dolente la riservano i panettieri: fatta eccezione per la prima settimana, i negozi e i supermarket che venderanno pane ad agosto saranno di meno di quelli dell'anno passato.

Ma la proposta non è piaciuta a tutti. "Pazzesco": questo il commento che la Cgil ha riservato alla proposta del Comune di Milano di lasciare i negozi aperti nel giorno di Ferragosto. "E' giusto riconoscere ai cittadini il diritto di avere beni di prima necessità in ogni momento dell'anno - ha osservato Graziella Carnieri, segretario milanese della Filcams Cgil - ma ritengo che dare la possibilità di negozi di Milano di restare aperti il giorno di Ferragosto sia un'idea inutile e dannosa". Non sono nuovi contrasti del genere tra il Comune di Milano e i sindacati: nella primavera scorsa i rappresentanti dei lavoratori si mobilitarono contro l'apertura dei negozi il 25 aprile e il primo di maggio tanto da costringere l'amministrazione a un dietrofront per la Festa del Lavoro. E proprio alla luce di quella dialettica, Graziella Carneri è tornata a criticare l'atteggiamento dell'assessore Giovanni Terzi. "Non siamo qui a dire che non si possa lavorare a Ferragosto - ha osservato la segretaria di Filcams Cgil - ma difendiamo il diritto dei lavoratori ad avere una programmazione dei propri riposi. Basta con le deroghe: ragioniamo a novembre i giorni di apertura e rispettiamoli tutto l'anno per evitare che l'amministrazione conceda deroghe in modo discrezionale a seconda di chi le chiede. Dopo tutto ogni avvenimento è prevedibile per tempo, Ferragosto compreso".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Negozi aperti a Ferragosto, Cgil: "E' pazzesco"

MilanoToday è in caricamento