menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il party di compleanno clandestino in due box vicini, uno per bere e uno per ballare

Il blitz della polizia verso le 23 in via Birolli. Nei due box c'erano 24 ragazzi, tutti multati

Aveva organizzato tutto nei minimi dettagli. In uno dei due box aveva sistemato i tavoli con le bevande e il cibo, nell'altro aveva allestito una sorta di sala da ballo. Peccato però che lui e i suoi amici invitati a quella festa nel garage dal sapore un po' anni Ottanta avessero dimenticato un piccolo, piccolissimo particolare: le norme anti coronavirus. 

E infatti a interrompere il party ci hanno pensato gli agenti del commissariato Greco Turro, che mercoledì sera verso le 23 sono dovuti intervenire nei pressi di un condominio di via Birolli. Ad allertare i poliziotti sono stati i residenti di zona, che hanno segnalato che da due box con "affaccio" sulla strada arrivavano voci, musica e caos. 

Al loro arrivo sul posto, in effetti, gli agenti hanno trovato e identificato 24 giovani - 6 di loro erano minorenni -, tra cui 6 ragazze e 18 ragazzi. I due box, uno trasformato in un angolo bar e uno in pista da ballo, sono risultati riconducibili a un ragazzino che vive poco distante, che proprio mercoledì sera compiva 18 anni e che evidentemente non aveva voluto rinunciare al suo party. 

Il finale della festa è stato decisamente amaro: gli agenti infatti non hanno potuto far altro che sanzionare tutti con multe da 400 euro per la violazione delle norme anti covid, che vietano espressamente feste e assembramenti. 

Aggiornamento - La precisazione

Il legale e genitore di uno dei minori coinvolti nella vicenda ci ha chiesto di precisare le seguenti circostanze: in uno dei due box, come può evincersi dai verbali della polizia, non è stata allestita alcuna pista o pedana da ballo, né un impianto musicale adeguato ad una pista da ballo, né presenza di luci psichedeliche dal sapore “anni 80”; nessun ragazzo ha compiuto quella sera 18 anni (ma la festa era per i 17 anni del proprietario del box); non vi era alcun angolo bar nell'unico box nel quale i ragazzi si sono ritrovati, intendendosi comunemente "per angolo bar" un luogo attrezzato di frigo, bancone, bevande superalcoliche e strumenti da barman per cocktail".


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona gialla: le faq aggiornate e le regole per capire cosa si può fare

Attualità

È stato creato un giardino zen in pieno centro a Milano

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento