Cronaca Macconago / Via Sant'Arialdo

Apre il festival dei beni confiscati alla mafia con Pisapia e Majorino

Il sindaco: «Edifici che erano al servizio della criminalità e ora sono modelli di solidarietà e cittadinanza»

L'inaugurazione (foto Comune di Milano - Politiche Sociali, Fb)

Inaugurato il 6 novembre il festival dei beni confiscati alle mafie: tre giorni di cinema, teatro, incontri, dibattiti e musica in vari quartieri di Milano. I protagonisti sono appunto i luoghi fisici confiscati alla criminalità organizzata: negozi, appartamenti e naturalmente la cascina di Chiaravalle, il bene più grande mai confiscato a Milano.

«Sono orgoglioso che questo festival sia nato con questa amministrazione, perché la legalità e la lotta alla mafia devono essere un patrimonio comune», ha dichiarato Giuliano Pisapia, sindaco di Milano, intervenendo a Casa Chiaravalle all'inaugurazione del festival. Pisapia ha ricordato gli oltre 700 beni confiscati nella Città metropolitana negli ultimi anni: «Edifici - ha affermato - che sono passati da strumenti al servizio del crimine a modelli di solidarietà e cittadinanza in grado di garantire attività sociali per il territorio e offrire concrete opportunità di lavoro».

QUI IL PROGRAMMA DEL FESTIVAL

«La città antimafia è un laboratorio permanente fatto dalle azioni delle istituzioni, delle forze di polizia, della magistratura e dalla buona politica, che non deve diventare corrotta e collusa», ha commentato l'assessore alle politiche sociali Pierfrancesco Majorino.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Apre il festival dei beni confiscati alla mafia con Pisapia e Majorino

MilanoToday è in caricamento