Cronaca

La Levato potrà vedere il figlio una volta al giorno

Gli avvocati delle difese puntano a portare a casa l'affidamento del bambino ai nonni. Per il momento, nel procedimento si sono costituti solo i genitori di Martina. I nonni paterni non hanno potuto ancora farlo poiché Alex non ha ancora riconosciuto il piccolo

La Levato

Il Tribunale dei Minori ha deciso: Martina Levato, "mente" femminile della "coppia dell'acido" che ha sfigurato un ex fidanzato, potrà vedere tutti i giorni il suo bambino nato all'alba del giorno di Ferragosto dalla relazione con Alexander Boettcher.

Nel loro provvedimento "urgente e provvisorio" i giudici hanno stabilito che la studentessa non potrà allattare direttamente suo figlio, che le sue viste giornaliere dovranno avere durata limitata e svolgersi obbligatoriamente alla presenza di un operatore socio-sanitario.

"Siamo felicissimi", è stato il commento dei suoi genitori a cui i giudici hanno concesso la possibilità di visitare il neonato negli orari d'ospedale. Il piccolo è stato momentaneamente affidato a un tutore comunale. Subito dopo il verdetto, Martina ha potuto vederlo e potrà farlo anche nei prossimi giorni, ma solo per un periodo di tempo limitato e sempre sotto osservazione di un assistente sociale.

Una volta dimessa dalla clinica Mangiagalli, sarà trasferita insieme al figlio all'interno dell'Icam, l'istituto di custodia attenuata che accoglie le madri detenute, così come disposto settimana scorsa dal Tribunale di Milano. La sua patria potestà, così come quella di Alex, resta sospesa per effetto della pena accessoria disposta nell'ambito della condanna a 14 anni per l'aggressione con l'acido al coetaneo Pietro Barbini.

Gli avvocati delle difese puntano a portare a casa l'affidamento del bambino ai nonni. Per il momento, nel procedimento si sono costituti solo i genitori di Martina. I nonni paterni non hanno potuto ancora farlo poiché Alex non ha ancora riconosciuto il piccolo. Proprio martedì, attraverso il suo legale, il giovane ha scritto una lettera al Garante dei Detenuti e all'amministrazione comunale milanese nella persona sindaco Giuliano Pisapia sollecitando chiarimenti sulle procedure da seguire. Alex è recluso a San Vittore, finora non gli è stato concesso di vedere suo figlio e per riconoscere il bambino è necessario che un messo comunale si rechi in carcere per formalizzare l'atto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Levato potrà vedere il figlio una volta al giorno

MilanoToday è in caricamento