Cronaca

Filippo Penati si autosospende dal Partito Democratico

Proprio stamattina i pm hanno depositato ricorso contro la decisione del gip di Monza di non arrestarlo. "Sono estraneo", ribadisce

L'ex sindaco di Sesto San Giovanni ed ex presidente della provincia di Milano, Filippo Penati, che come è noto è indagato per avere riscosso tangenti da alcuni imprenditori, il giorno dopo il rigetto (da parte del gip di Monza) della richiesta d'arresto nei suoi conronti fa un passo indietro dal partito.

Immediatamente si era autosospeso e poi dimesso da vicepresidente del consiglio regionale. Ora ha annunciato di autosospendersi dal Pd e di uscire dal gruppo democratico in consiglio.

"Ribadisco la mia estraneità - ha spiegato - ma intendo scindere nettamente la mia vicenda personale dalle questioni politiche per potermi difendere a tutto campo".

Per lui i pm di Monza avevano chiesto la custodia cautelare in carcere. Ma il gip di Monza, pur ritenendo gravi gli indizi a suo carico, ha valutato che si tratterebbe non di concussione ma di corruzione: e dunque sarebbero prescritti i fatti addebitati.

Tuttavia i pm questa mattina hanno depositato un ricorso contro la decisione del gip.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Filippo Penati si autosospende dal Partito Democratico

MilanoToday è in caricamento