menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Repertorio

Repertorio

Milano, filma le donne sotto la gonna per strada e ha migliaia di video pedopornografici

La polizia di Stato ha arrestato a Milano un cittadino filippino di 57 anni. La storia

Si aggirava per i negozi e filmava le donne sotto le gonne, e in casa aveva materiale pedopornografico. Venerdì 7 agosto nel pomeriggio, la polizia di Stato ha arrestato a Milano un cittadino filippino di 57 anni. L'uomo a casa aveva ingente detenzione di materiale pedopornografico. 

I poliziotti della volante dell'Ufficio prevenzione generale sono intervenuti poco dopo le 13 in un negozio di abbigliamento del centro perché alla centrale operativa della questura era giunta la segnalazione di un uomo che si aggirava con fare sospetto. 

Arrivati sul posto, i poliziotti hanno notato che l'uomo, segnalato come molesto da due clienti cui si era avvicinato troppo, aveva un sacchetto di carta al cui interno, sopra una confezione di scarpe e semicoperto da una maglia, aveva appoggiato il proprio telefonino in modalità ripresa video continua. Con questo stratagemma, l'uomo si avvicinava alle donne che incontrava, specie quelle indossanti gonne e pantaloncini, e si posizionava vicino a loro per riprenderle dal basso. 

Oltre ai video sotto le gonne, il materiale pedopornografico

Dopo aver verificato che nel telefonino ci fossero effettivamente riprese le clienti che avevano chiamato la polizia, gli agenti delle volanti hanno proceduto alla perquisizione domiciliare del 57enne. Nella sua camera da letto i poliziotti hanno chiesto all'uomo di aprire l'armadio chiuso a chiave che si trovava nella stessa stanza: nonostante il 57enne abbia detto che le chiavi le aveva la moglie al momento assente, gli agenti dell'Ufficio prevenzione generale hanno trovato le chiavi nascoste sotto il materasso del letto.

 All'interno dell'armadio, i poliziotti hanno rinvenuto e sequestrato materiale di archiviazione digitale come chiavette usb, hard disk e schede di memoria la cui successiva analisi ha portato alla scoperta di immagini pornografiche e pedopornografiche archiviate in centinaia di cartelle.

L'uomo, incensurato e regolare sul territorio nazionale, è stato arrestato per la detenzione di materiale pedopornografico in ingente quantità e indagato in stato di libertà per molestie.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento