Cronaca

'Ndrangheta a Milano, arrestati per corruzione tre finanzieri

Tra le persone destinatarie di ordinanza di custodia cautelare c'è anche il direttore di un hotel di lusso. Ai militari sono stati sequestrati beni per oltre 720mila euro

La questura di Milano ha dato i dettagli dell'operazione

Tra le cinque persone destinatarie di un'ordinanza firmata dal gip di Milano Giuseppe Gennari, nell'ambito dell'inchiesta sul clan dei Valle-Lampada, c'é anche il direttore del lussuoso hotel 'Brun', accusato di favoreggiamento personale.

TUTTI I NOMI DEI FINANZIERI ARRESTATI

Nell'ambito delle indagini che nei mesi scorsi avevano già portato in carcere un avvocato, un politico e un magistrato calabrese, era emerso che il gip del Tribunale di Palmi Giancarlo Giusti, solo indagato, si faceva pagare viaggi ed escort dagli uomini del clan Lampada.

Ai tre militari, da quanto si e' saputo, sono stati sequestrati beni per un totale di circa 720mila euro. I tre finanzieri, accusati di corruzione, erano colleghi di Luigi Mongelli, maresciallo della Guardia di Finanza arrestato il 30 novembre scorso nella prima tranche dell'operazione. I tre finanzieri arrestati, secondo l'accusa, si sarebbero fatti corrompere per chiudere un occhio durante controlli sull'attività del gioco d'azzardo, business fondamentale per la cosca dei Valle-Lampada. Al centro ci sarebbe stato Giulio Lampada, assieme al fratello Francesco, entrambi gestori di bar e locali a Milano e arrestati lo scorso novembre.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Ndrangheta a Milano, arrestati per corruzione tre finanzieri

MilanoToday è in caricamento