Pitbull di guardia, sporcizia e abusivi: la polizia "a caccia" nel fortino della droga di via Gola

Perquisizioni della polizia tra via Pichi e via Gola: liberate tre case Aler occupate

Droga, degrado, abusivismo. E cani usati come animali da guardia o almeno come espediente per "frenare" il lavoro delle forze dell'ordine. È la triste realtà delle case popolari Aler tra via Gola e via Pichi, teatro del blitz che martedì mattina hanno messo a segno i poliziotti del commissariato Porta Ticinese e della Squadra Mobile, diretta da Marco Calì. 

Gli agenti si sono presentati all'alba al civico 3 di via Pichi e al 23 e al 27 di via Gola - in quello che negli anni è diventato il "fortino della droga" -, come ulteriore tappa del piano di recupero del quartiere deciso dal comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica in Prefettura

I poliziotti del commissariato e della II sezione, guidati dal dirigente Vittorio La Torre, sono andati a caccia di droga - praticamente tutti i controllati hanno precedenti per spaccio - e hanno eseguito qualche ulteriore accertamento sulla follia di Capodanno, quando i vigili del fuoco erano stati letteralmente assaliti mentre cercavano di domare un incendio appiccato in strada. 

Abusivi e cani da guardia

Nell'abitazione di via Pichi sono stati trovati una croata 20enne irregolare, due marocchini e un pitbull. In via Gola 27 c'erano un'italiana, un marocchino irregolare e altri due cani in condizioni igieniche che gli stessi investigatori hanno definito "molto precarie". Nel secondo appartamento al civico 27 non c'era nessuno, ma anche quella casa - come le altre due - è risultata occupata illegalmente. 

I tre nordafricani - di 37, 30 e 28 anni, con precedenti per droga - sono tutti stati portati in Questura e affidati all'ufficio immigrazione per avviare le pratiche per l'espulsione. 

In via Gola 23, invece, gli agenti hanno trovato una donna italiana - risultata titolare del contratto di affitto -, un altro pitbull e un cittadino marocchino irregolare che però ha un obbligo di firma che lo "costringe" a restare in Italia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le abitazioni sono tutte state sgomberate e "lastrate" con barre di metallo all'ingresso per poi essere riconsegnate all'Aler. Durante il blitz gli agenti non hanno trovato droga, ma - la riflessione di uno degli investigatori - i cani da guardia davanti alle porte potrebbero essere serviti proprio per dare agli occupanti il tempo di disfarsi di tutto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta in moto contro un pullman di linea: turista milanese muore sul Lago Maggiore

  • Lotto, doppia vincita record a Cassano Magnago: due quaterne da oltre 400mila euro

  • Coronavirus, la Lombardia cambia le regole: nuove norme per obbligo mascherine e mezzi pubblici

  • Milano, "blitz" del maltempo: attesi temporali forti, scatta l'allerta della protezione civile

  • Meteo, temporali forti a Milano: allerta arancione della protezione civile

  • Hostess con febbre sul Ryanair Milano-Catania: paura per il covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento