Malpensa: comprano Gucci e Louis Vuitton si fanno rimborsare l'Iva ma stanno in Italia

Tre cinesi, in concorso tra loro, dopo aver presentato le merci di lusso acquistate all’autorità doganale per l’autorizzazione al rimborso dell’Iva, tentavano di reintrodurle in Italia

La merce

Nell’ambito dell’attività di controllo e di vigilanza dinamica presso l’Aeroporto internazionale di Milano Malpensa, i funzionari dell’Ufficio delle Dogane e i militari della guardia di finanza hanno scoperto una frode nel settore del Tax Free.

Nel caso specifico, tre cittadini cinesi, in concorso tra loro, dopo aver presentato le merci di lusso acquistate all’autorità doganale per l’autorizzazione al rimborso dell’Iva, tentavano di reintrodurre le stesse sul territorio nazionale. L’attività di controllo dei funzionari doganali e dei militari della guardia di finanza, ha portato al sequestro dell’intera partita di merce per un valore complessivo di oltre 8mila euro e alla segnalazione all’Autorità Giudiziaria dei soggetti responsabili dell’illecito.

Per quanto riguarda gli acquisti presso i negozi Tax free, i viaggiatori residenti o domiciliati fuori dell'Unione Europea possono ottenere lo sgravio diretto o il rimborso successivo dell’IVA gravante sui beni acquistati, a condizione, che la merce sia destinata all'uso personale o familiare e sia trasportata nei bagagli personali fuori dal Territorio Unionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, la Lombardia è zona arancione: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Coronavirus, fa paura la variante brasiliana del covid, Galli: "È una cosa pesante purtroppo"

  • Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

  • Milano, la Lombardia è zona rossa: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

  • Milano, la Lombardia è zona rossa fino al 31 gennaio: "Non è punizione". Le regole

Torna su
MilanoToday è in caricamento