"C'è puzza di gas": 14 bimbi dell'asilo con tosse e bruciore agli occhi, 180 evacuati dalle classi

Allarme per una presunta fuga di gas all'asilo in largo Scalabrini. Soccorsi sul posto

Foto repertorio

Paura giovedì mattina in largo Scalabrini. Verso le 9.45, infatti, in due classi dell'asilo, bimbi e maestri hanno cominciato a sentire un forte odore di gas.

Quattordici bambini, stando a quanto appreso, hanno iniziato ad accusare tosse e bruciore agli occhi e a quel punto gli insegnanti hanno deciso di far scattare il piano di emergenza e hanno evacuato tutta la struttura, portando nel giardino i 160 alunni accompagnati da venti adulti, tra personale scolastico e maestri. 

Sul posto sono immediatamente intervenuti i vigili del fuoco - tre squadre stanno verificando l'origine della presunta fuga di gas - e il 118, con due ambulanze, un'auto medica e un mezzo di coordinamento. 

I medici hanno già visitato i quattordici piccoli e i due insegnanti che presentavano sintomi significativi all'apparato respiratorio e fortunatamente le loro condizioni non destano preoccupazione: nessuno è stato ricoverato. Sul posto anche i carabinieri e la polizia locale. I bimbi sono stati sistemati nella sala mensa adiacente alla scuola per il pranzo.

Pompieri, tecnici di Ats e Arpa ad ora non hanno trovato riscontri di eventuali fughe di gas, né all'esterno ci sono lavori stradali che potrebbero aver causato danni a qualche tubatura sotterranea. Per questo, per permettere nuovi accertamenti, l'asilo resterà chiuso venerdì

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, la Lombardia è zona arancione: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Coronavirus, fa paura la variante brasiliana del covid, Galli: "È una cosa pesante purtroppo"

  • Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

  • Milano, la Lombardia è zona rossa: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

  • Milano, la Lombardia è zona rossa fino al 31 gennaio: "Non è punizione". Le regole

Torna su
MilanoToday è in caricamento