rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024
Cronaca

Rombo di motori e campane, migliaia di persone per l'ultimo saluto a Christian

Donzello, 16 anni, è morto dopo uno schianto in sella alla sua moto a Biassono. La chiesa gremita e migliaia di persone anche fuori. La strada è stata bloccata a lungo: erano in tantissimi, in sella alle moto, riuniti per dire addio

Le campane e il rombo dei motori. Lacrime e applausi. Caschi, dolore e silenzio. Migliaia e migliaia di persone venerdì pomeriggio hanno affollato la chiesa parrocchiale di San Rocco, a Monza, per dare l'ultimo saluto a Christian Donzello, il 16enne morto in un tragico schianto in moto a Biassono (Mb). C'erano così tanti amici, parenti, compagni di scuola e di vita da non riuscire a trovare posto tra le navate e da riempire il sagrato, il cortile della parrocchia e anche la strada, bloccando il traffico del quartiere. E per qualche ora anche Monza si è fermata per l'ultimo viaggio del 16enne. A stringersi attorno al dolore di mamma Loredana, papà Massimo e della sorella Valentina c'era tutta la comunità.  

L'ingresso in chiesa della salma in una bara bianca è stato accompagnato dal rombo delle moto con una nuvola di gas che si è alzata dai motori delle centinaia e centinaia di motociclette che si sono radunate fuori dalla chiesa. Poi le parole della sorella Valentina: "So che volerai e lo farai veloce come sempre. So che nonna ti sta aspettando. Quattro ruote portano il corpo, due ruote portano l'anima. Ti amerò per sempre, tua sorella". 

Una giovane vita spezzata e un dolore straziante per cui ha provato a trovare parole di conforto il parroco don Pierangelo Motta nell'omelia. "Siamo in tanti a voler dare ultimo saluto a Cristian", ha detto commentando la lettura del vangelo secondo Marco scelto per la funzione che narra dell'incontro di un giovane sulla strada con Gesù a cui rivolge domande sul senso della vita. "Lo sguardo di Gesù verso quel giovane è lo sguardo che accoglie con grande tenerezza la vita di Christian tragicamente tolta".

"Avvertiamo tutti quanti un grande senso di smarrimento del cuore quando le circostanze della vita ci costringono a misurarci con la morte e il dolore. E soprattutto davanti a una morte giovane e inattesa. Ogni parola che possiamo pronunciare sembra inutile. Sarebbe opportuno rimanere in silenzio con lacrime agli occhi e una profonda pena nel cuore - ha continuato il sacerdote -. C'è tanto dolore, tristezza e magari in molti anche tanta rabbia. Tutto si ridurrebbe qui ma c'è qualcosa che non fa scomparire il dolore o il pianto ma contribuisce a dare un senso al vuoto e al distacco. Dobbiamo tutti anche se con fatica credere che questa morte non è la fine di tutto ma l'inizio di un mistero grande anche se non comprensibile e di un amore. Affidiamo Christian al Signore perché possa ritrovare la vita vera e in questo atto di fede noi celebriamo la vita nuova di Christian". 

In chiesa è risuonato un lungo applauso quando il parroco ha condiviso con la comunità la scelta della famiglia in merito alla decisione di donare gli organi. E ancora, commentando il vangelo, don Pierangelo ha detto "ci si interroga su quella strada sul perché della sofferenza e della morte. Ci viene chiesto di sperare contro ogni speranza". E mentre la funzione ancora non era finita, fuori, insieme alla campane, è tornato a risuonare il rombo dei motori: la strada si è riempita di moto. Amici, compagni di strada e di vita che hanno voluto far arrivare a Christian l'ultimo boato di gas. Per salutarlo così, con il suono che amava di più. E lacrime e applausi sulle note di 'Another Love'. 

Poi il rumore leggero di palloncini rossi e blu che insieme a una mini moto gonfiabile sono saliti verso il cielo. Lievi, sempre più lontani e piccoli. Lì, dove nulla ha più corpo ma solo anima. Lì dove adesso, per sempre, nel cuore di chi l'ha conosciuto, ci sarà anche Christian. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rombo di motori e campane, migliaia di persone per l'ultimo saluto a Christian

MilanoToday è in caricamento