Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca Duomo / Corso Vittorio Emanuele II

"Era un poeta, non uno stilista". L'ultimo saluto a Elio Fiorucci

La messa celebrata da don Mazzi nella chiesa di San Carlo al Corso

Il feretro viene portato via (frame Corriere)

Si sono celebrati nella chiesa di San Carlo, in corso Vittorio Emanuele, i funerali dello stilista Elio Fiorucci, scomparso a 80 anni. "Milano ha bisogno di angeli, vorrei che gli angeli delle sue magliette si stacchino per volare e ridipingere questa città diventata artificiale", ha affermato durante l'omelia don Antonio Mazzi, che ha celebrato la messa. Secondo Mazzi, Fiorucci "non era uno stilista ma un poeta, sempre dolce e tenero, abbracciava in modo meraviglioso". 

Così Milano "ha bisogno di poco: un po' di tenerezza, un po' di colore, e meno politici, meno personaggi e persone intelligenti, un po' più di poesia e di sogno", ha continuato Mazzi, ricordando il modo in cui Fiorucci trasformava oggetti semplici in capolavori. 

Lo stilista verrà sepolto a Mont'Introzzo, località del comune di Sueglio, in provincia di Lecco. Si tratta del paese in cui nacque la madre, Argentina Bonazzola. Fiorucci era rimasto molto legato alle montagne della Val Varrone e vi tornava spesso. Sarà sepolto nel cimitero di San Martino dove riposano i genitori e la nonna materna.

Alla celebrazione erano presenti il vicesindaco di Milano Francesca Balzani, l'assessore al welfare Pierfrancesco Majorino e il presidente del consiglio comunale Basilio Rizzo. E poi politici del passato come l'ex sindaco Paolo Pillitteri, ma anche l'esponente di Fi Michela Vittoria Brambilla e l'ex assessore alla cultura Stefano Boeri. E poi il fotografo Oliviero Toscani, Jo Squillo, Massimo Moratti con la moglie Milly, Afef e l'editore Urbano Cairo.

Presenti anche i City Angels con il presidente Mario Furlan: le t-shirt erano state disegnate proprio da Fiorucci. Per il mondo della moda, il presidente della Camera della Moda Beppe Modenese e poi Carlo ed Ennio Capasa, Chiara Boni, Raffaella Curiel e Stefano Beraldo (Ovs). Lo stilista inglese Paul Smith ha inviato una corona di fiori.

Tra i familiari le tre sorelle e due delle tre figlie: la terza è in ospedale con le doglie.

Si chiamerà "Casa Fiorucci" il centro d'accoglienza più grande dei City Angels: lo ha detto Mario Furlan. Ed è stato avanzato il suggerimento di intitolare allo stilista la Galleria Passarella, luogo dello storico negozio Fiorucci, proprio di fronte alla chiesa di San Carlo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Era un poeta, non uno stilista". L'ultimo saluto a Elio Fiorucci

MilanoToday è in caricamento