Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca

Presi i "professionisti" delle auto rubate: traditi dallo scotch sulla targa di una Panda

Nei guai due uomini. Trovate due macchine rubate, targhe e pezzi di veicoli di auto "sparite"

È stato un pezzo di scotch a metterli nei guai. La targa della loro Fiat Panda era stata camuffata con il nastro isolante, che aveva trasformato la F in una E. Un particolare che è subito balzato agli occhi degli investigatori e che non è servito a salvarli.  

Un 55enne e un 66enne, due italiani residenti in Brianza e in provincia di Bergamo, sono stati denunciati dai carabinieri per riciclaggio e ricettazione di autovetture.

I militari li hanno fermati venerdì durante un normale controllo a Cesano Maderno mentre erano fermi all'interno di una Panda. Dai primi riscontri è subito emersa qualche anomalia: alla targa dell'auto, infatti, corrispondeva un mezzo diverso. È bastato poco ai militari per scoprire che la sigla era stata modificata con un frammento di nastro nero che aveva reso una "E" una "F". 

Scoperta la targa vera, i militari hanno verificato che l'automobile era stata rubata a Villasanta nel dicembre del 2018. Inoltre uno dei due uomini aveva tra le mani le chiavi di un’Audi A3 che, ritrovata nelle vicinanze, si è rivelata essere stata rubata a Bollate nel febbraio del 2019.

A quel punto i militari hanno controllato la ditta di uno dei due denunciati: dal capannone sono saltati fuori "jammer" - i disturbatori di frequenza utilizzati per i furti di auto -, targhe di macchine rubate e altri pezzi di veicoli, anche quelli - chiaramente - rubati. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presi i "professionisti" delle auto rubate: traditi dallo scotch sulla targa di una Panda

MilanoToday è in caricamento