Scippa un telefono in metro, ma gli agenti lo seguono da 5 fermate: ladro arrestato

In manette un 50enne, cittadino tunisino, fermato dai poliziotti della Polmetro. I fatti

A Cadorna avevano capito che non era un "normale" passeggero. E così hanno deciso di tenerlo d'occhio e di salire a bordo con lui, senza mai perderlo di vista. Cinque fermate dopo, a Centrale, hanno avuto la prova che ci avevano visto giusto. 

Gli agenti della Polmetro hanno arrestato giovedì un uomo di 50 anni, cittadino tunisino, accusato di furto per aver scippato il cellulare a un viaggiatore a bordo della metro M2. Le strade del ladro e dei poliziotti, impegnati proprio nei servizi anti borseggio, si sono incrociate nel mezzanino di Cadorna, dove gli investigatori lo hanno notato passeggiare con fare sospetto tra la gente in attesa del treno. 

Quando il 50enne è salito in metro, gli agenti lo hanno seguito e, tenendosi a distanza di sicurezza, hanno continuato a monitorarlo. Mentre il vagone arrivava nella fermata di piazza Duca d'Aosta, il borseggiatore è entrato in azione e, dopo aver rubato il telefono, ha sfruttato l'apertura delle porte per tentare la fuga. Purtroppo per lui, però, dietro c'erano proprio i poliziotti, che lo hanno immediatamente raggiunto, bloccato e arrestato. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

  • Lombardia verso la zona arancione: ma non c'è nulla da esultare. I numeri

  • Fontana: "Milano rimane zona rossa. Governo vuole mantenerla fino al 3 dicembre"

Torna su
MilanoToday è in caricamento