menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto Fb/anellodiresalomone

foto Fb/anellodiresalomone

Furto di pecore alla fattoria didattica, le Iene scoprono i colpevoli. «Le abbiamo mangiate»

Le Iene sulle tracce degli autori del furto arrivano in via Bolla dove trovano uno dei responsabili, che ammette. Finale a sorpresa: un allevatore dona due pecore alla fattoria

La trasmissione televisiva Le Iene ha scoperto e rintracciato uno dei colpevoli del furto di quattro pecore e altri animali avvenuto alla fattoria didattica L'anello di re Salomone di via Lucio Cornelio Silla, nel borgo milanese di Figino, a febbraio 2021. Purtroppo, stando a quanto dichiarato alle telecamere, le pecore sono tutte morte.

Tutto è iniziato a metà febbraio quando, un mattino, il veterinario Erik Franchi, fondatore della fattoria insieme alla compagna Arianna, scoprì che mancavano le pecore e anche un'anatra, alcune galline e un gallo. Analizzando le telecamere di sorveglianza, si rese conto che tre uomini (armati di bastone e fucile) si erano introdotti nella fattoria, nottetempo, e prima avevano perlustrato i vari recinti, poi avevano individuato quello delle pecore ed erano usciti per poi rientrare a bordo di una Punto bianca.

Un'auto del tutto simile a quella che, poche ore prima, aveva incrociato a Figino con a bordo tre uomini. Questi lo avevano anche fermato per chiedergli un'indicazione stradale e lui ricordava quei tre, di etnia rom. La Iena Nina Palmieri, insieme alle telecamere, si è quindi recata in un campo rom milanese non lontano da Figino. Ha mostrato un fotogramma delle telecamere di sorveglianza ma nessuno ha dichiarato di conoscere quella persona.

Le Iene trovano uno degli autori del furto

Così si è recata in via Bolla, presso i palazzi popolari in cui vari alloggi sono occupati da rom. E qui, in cortile, ha avuto più fortuna: qualcuno ha riconosciuto il ragazzo del fotogramma e lo ha chiamato in strada. «Avete fatto una cosa brutta», ha detto l'inviata al giovane, «ma in questo caso è stata ancora più brutta», riferendosi alle particolari attività che Erik e la compagna svolgono nella fattoria didattica, tra cui il recupero di capi destinati al macello e la terapia con gli animali per ragazzi disabili, ma anche le visite delle scuole e delle famiglie.

Gli animali erano stati però mangiati subito dopo il furto durante una festa di matrimonio, quindi non potevano più essere recuperati. Così le Iene hanno trovato un allevamento di pecore e, in accordo col proprietario, hanno preso due esemplari per portarli alla fattoria didattica, dove finalmente la pecora rimasta ha potuto ritrovare compagnia. Tra le lacrime della coppia che gestisce L'Anello. «Le persone cattive possono avere una seconda chance, come gli animali disabili, come chiunque», dichiarano: «Questi sono i messaggi che, in posti come questo, vogliamo dare. 

furto pecore - screenshot le iene-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Lombardia zona gialla: cosa potrebbe riaprire dal 26 aprile

Attualità

Netflix ha ambientato una serie tv a Milano

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Elezioni comunali 2021

    Il nostalgismo

  • Porta Nuova

    In piazza Gae Aulenti è comparso un enorme caprone di legno

  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento