Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca

Sfondano i muri dei bancomat con trattori rubati per portare via le casseforti: un arresto

Le indagini dopo una serie di furti nel Pavese. Ma quasi tutti i membri della banda, tranne uno, sono scappati all'estero

Il momento di uno dei furti

Sfondavano con trattori i muri di bancomat e casse continue e poi portavano via le casseforti, usando tecniche paramilitari. Una banda di sette persone è stata individuata con serrate indagini in seguito a una serie di furti - riusciti o tentati - sempre con la stessa tecnica. Uno solo, però, l'arresto da parte dei carabinieri del comando provinciale di Pavia: un 22enne, N.A., intercettato a Milano. Tutti i suoi complici (residenti nel campo rom di strada San Marco a Vigevano) sono invece frattanto riusciti a scappare all'estero, ma presto verranno emessi nei loro confronti i mandati di cattura internazionale, non appena verranno localizzati con una certa sicurezza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I furti sono stati messi a segno a tra gennaio e marzo del 2018, nella zona di Vigevano e in quella di Voghera. In particolare, tre colpi in tre giorni, a fine marzo, hanno provocato gravi danni alle strutture degli edifici senza che i malviventi riuscissero a "strappare" le cassaforti piene di denaro. In questo caso, quindi, furti solo tentati, al supermercato Gulliver di Sannazzaro de' Burgondi (28 marzo), al supermercato Gulliver di Tromello (29 marzo) e alla Banca Intesa di Zinasco (30 marzo).

Secondo le indagini, la banda era costituita da almeno sei persone, se non sette, che utilizzavano tecniche paramilitari per i loro colpi. La modalità prevedeva il furto di trattori e furgoni da aziende agricole della zona; poi la banda utilizzava i trattori come "arieti" per sfondare i muri degli sportelli e delle casse continue, e i furgoni per portare via le casseforti.

L'ultimo colpo risale al 27 aprile: sempre sfondando il muro con un trattore, i malviventi hanno portato via la cassaforte del bancomat della Banca Popolare di Novara a Dorno. Immediato in quel caso il "rastrellamento" dei carabinieri che ha costretto la banda ad abbandonare nelle campagne vigevanesi la cassaforte (prima ancora di aprirla: dentro, intatti, 150 mila euro in contanti) e il materiale per lo scasso (trapani, flessibili e un gruppo elettrogeno).

Il pm di Pavia Andrea Zanoncelli ha chiesto (e ottenuto dal gip) l'ordinanza di custodia cautelare per sette persone, tutte di etnia rom e di cittadinanza romena. Uno di loro, come detto, è stato arrestato a Milano. Gli altri nel fratttempo sono scappati all'estero.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sfondano i muri dei bancomat con trattori rubati per portare via le casseforti: un arresto

MilanoToday è in caricamento