Cronaca

Al liceo si parla di omosessualità: undici docenti contro l'assemblea

Fa discutere la lettera di undici professori del Leonardo da Vinci che hanno contestato un'assemblea studentesca sui temi Lgbt

Un'immagine di una parata del pride a Milano

Fa discutere un'assemblea scolastica che si è svolta al liceo scientifico Leonardo da Vinci di Milano sui diritti Lgbt e le malattie trasmissibili sessualmente come l'Aids. Una iniziativa suggerita dagli studenti e approvata dal consiglio di istituto, con tanto di esterni invitati a parlare delle loro esperienze, come il coming out.

Undici docenti hanno scritto una lettera piena di perplessità e l'hanno simbolicamente indirizzata ai genitori dei ragazzi. Il succo del messaggio è che sarebbre "grave" che gli insegnanti ("a cui affidate i vostri figli in un patto di fiducia per la loro crescita integrale") non sappiano "chi siano gli adulti che parleranno loro di temi sensibili" e senza un dibattito con contraddittorio.

Naturalmente non vi era alcun obbligo, per gli studenti, di partecipare all'assemblea, infatti non pochi sono rimasti in classe a fare lezione. E dai vertici dell'istituto arriva una indiretta conferma che, su temi di questo genere, ci sia diffidenza all'interno del liceo. Certo, i docenti che hanno firmato la lettera non sono molti, undici su settantadue secondo quanto riferisce il Corriere, ma resta una significativa minoranza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al liceo si parla di omosessualità: undici docenti contro l'assemblea

MilanoToday è in caricamento