menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Violenza sessuale, un'altra ragazza conferma a pm "abusi da Genovese durante festino"

La giovane venerdì è stata sentita in Procura a Milano durante un'audizione durata circa tre ore. Si tratterebbe della sesta vittima dell'imprenditore

Un'altra vittima di Genovese, la sesta, nella giornata di venerdì 8 gennaio ha confermato al pm di aver subito abusi sessuali da Alberto Genovese, l'imprenditore 43enne ex numero uno di Facile.it, arrestato lo scorso 6 novembre con l'accusa di aver stuprato una ragazza di 18 anni dopo averla stordita con un mix di droghe durante una festa a Terrazza sentimento, il suo esclusivo attico vista Duomo.

La ragazza, 20 anni, dopo aver sporto denuncia è stata ascoltata in Procura a Milano durante un'audizione durata circa tre ore nell'ambito dell'inchiesta con al centro la figura di Genovese. La giovane ha affermato di essere stata vittima di violenza sessuale durante un festino a base di cocaina ed altre sostanze con uno schema simile a quello che l'uomo avrebbe applicato durante il party dello scorso ottobre, dopo il quale era finito in carcere.

La 20enne è stata ascoltata a verbale dal procuratore aggiunto Letizia Mannella, dal pm Paolo Filippini e dagli investigatori della Squadra Mobile. Nel corso delle ultime settimane sono state raccolte decine di testimonianze, tra le quali quelle di molte ragazze ospiti ai festini dell'imprenditore. Oltre alla 18enne che aveva denunciato di essere stata stuprata, sono altre cinque le giovani che hanno detto di aver subito abusi sessuali dopo che Genovese aveva offerto loro cocaina e altre sostanze, quale la potente 'cocaina rosa' o la ketamina.

Gli inquirenti, che stanno anche analizzando i filmati delle telecamere interne dell'attico di lusso di Genovese a Milano, faranno luce anche su presunte violenze commesse dall'imprenditore all'estero, come a Ibiza, sempre nel corso di 'droga-party'. Oltre a Genovese, a oggi risultano indagati anche la sua ex fidanzata e il suo braccio destro Daniele Leali, accusato di spaccio. In parallelo la Guardia di finanza e il pm Paolo Filippini stanno conducendo indagini patrimoniali e finanziarie partite anche per approfondimenti legati a un presunto giro di droga.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento