menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La pubblicità

La pubblicità

"Clandestino uccide tre italiani, pena di morte subito": annullata la condanna a Mirko Rosa

Annullata la condanna a 6 mesi per due commercianti che dopo il 'caso Kabobo' pubblicizzarono così la loro azienda

Non basta per configurare il reato di propaganda di idee fondate sull'odio razziale un "sentimento di generica antipatia, insofferenza o rifiuto" per ragioni "attinenti alla razza, alla nazionalità", ma ci deve essere "una condotta discriminatoria che si fonda proprio sulla 'qualità personale' del soggetto, e non, invece, sui suoi comportamenti".

Lo si legge nelle motivazioni della sentenza con cui la Cassazione ha annullato, con rinvio ad un nuovo giudizio d'appello, la condanna a 6 mesi per due commercianti che nel 2013, dopo il 'caso Kabobo' a Milano, misero su un loro camion pubblicitario un manifesto con scritto "clandestino uccide tre italiani a picconate-pena di morte subito".

Sul manifesto pure la "riproduzione di una ghigliottina la cui lama gronda sangue e accanto alla stessa l'immagine della testa di un uomo di colore decapitato". La Suprema Corte ha accolto il ricorso dell'avvocato Carlo Sergio Oldani, legale di Mirko Rosa, ex noto titolare di negozi 'compro oro' e del padre.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia torna in zona arancione, la decisione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

  • Sport

    Il nuovo logo dell'Inter

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento