Cronaca

Morto Gino Santercole: addio al ragazzo della via Gluck che suonava con (suo zio) Celentano

Santercole è morto a 78 anni a Roma. La sua carriera legata a quella di Adriano Celentano

Santercole, foto dal suo profilo Facebook

Come suo zio era cresciuto in quella casa di via Gluck poi consegnata alla storia della musica. E proprio con suo zio aveva iniziato a costruire la propria carriera. 

È morto a 78 anni, nella sua abitazione di Roma, Gino Santercole, musicista, autore e chitarrista nipote di Adriano Celentano. A stroncarlo, secondo quanto trapela, sarebbe stato un infarto. 

Foto - Santercole con Celentano

celentano e santercole

Di origini pugliesi, figlio di Rosa - sorella di Adriano -, Santercole era nato a Milano ed aveva passato l'adolescenza insieme a suo zio, quasi un coetaneo, in via Gluck. 

Proprio con Celentano aveva iniziato a fare musica, entrando nei Rock Boys. Sempre insieme al "Molleggiato" - che poi diventerà anche suo cognato perché entrambi sposeranno due sorelle - aveva suonato tra I Ribelli, provando poi l'avventura da solista come chitarrista. 

Quasi a voler certificare il legame, lui, Don Backy, Pilade e Gianco avevano anche preso parte tutti insieme a quello che era diventato il "Clan Celentano". 

Autore superbo, Santercole ha scritto le musiche di alcune canzoni entrate nella storia della musica italiana: "Una carezza in un pugno", "Svalutation", "Straordinariamente". 

Foto - Santercole (a sinistra) con Celentano

gino santercole celentano

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto Gino Santercole: addio al ragazzo della via Gluck che suonava con (suo zio) Celentano

MilanoToday è in caricamento